Recupero Password
Tragedia della cisterna dell'impresa ittica Di Dio di Molfetta: a processo i due imputati responsabili dell'azienda Vito e Domenico Di Dio hanno rinunciato al rito abbreviato e allo sconto di pena, perché vogliono dimostrare di non avere alcuna responsabilità per la morte degli operai Vincenzo e Nicola Rizzi
23 gennaio 2016

MOLFETTA – Sono stati rinviati a giudizio i biscegliesi Vito e Domenico Di Dio, 39 e 71 anni, legale rappresentante ed esecutore di fatto dell’impresa ittica “Di Dio Srl”, all’udienza preliminare tenutasi al Tribunale di Trani per la tragedia della cisterna in cui persero la vita Vincenzo e Nicola Rizzi di 50 e 38 anni operai della Rizzi ecologia di Bitonto.

Il processo si terrà il 6 aprile al Tribunale di Trani, perché i due imputati non hanno optato per il rito abbreviato e quindi per uno sconto di pena, perché la difesa dei due biscegliesi ha ritenuto di affrontare il processo per dimostrare la loro assoluta innocenza e la mancanza di responsabilità nella tragedia avvenuta a Molfetta  l’8 aprile 2014 nella cisterna dello stabilimento “Di Dio” per la lavorazione dei prodotti ittici, situato nella zona industriale di Molfetta.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet