Recupero Password
Torna a luglio “Ti fiabo e ti racconto” A cura del teatrermitage. Il concorso “L'uccellino azzurro” presieduto da Franco D'Ippolito
15 giugno 2002

Ancora più significativo quest'anno, nel quadro delle manifestazioni proposte dall'Amministrazione comunale di Molfetta, “Ti fiabo e ti racconto”, il festival di teatro ragazzi organizzato da Teatrermitage ormai giunto alla sua settima edizione. Al solito, dal 10 al 16 luglio, l'Anfiteatro Comunale del Parco di Ponente sarà il palcoscenico sul quale si esibiranno alcuni fra i più grandi nomi italiani del teatro ragazzi e di figura. Diventano sette, quindi, gli spettacoli che animeranno le serate del festival. Saranno sei le produzioni a contendersi il premio l'Uccellino azzurro e, tra queste, “Mondo cane”, proposto da Fondazione Sipario Toscana, e “Barbablù”, nell'allestimento del Teatro del Sole di Milano, uno dei gruppi storici di teatro ragazzi in Italia. Mentre, nella serata finale, andrà in scena uno spettacolo fuori concorso che, stavolta, sarà un vero e proprio evento, affidato a un artista di prestigio internazionale. E, su questo, il Teatrermitage ancora al lavoro per gli ultimi dettagli del cartellone, promette davvero una bella sorpresa. Come di consueto, “L'uccellino azzurro” sarà assegnato alla migliore produzione, fra le sei in lizza. Il riconoscimento verrà attribuito da una giuria - coordinata dal direttore artistico del festival, Vito D'Ingeo - composta da 18 ragazzi di età compresa tra i 9 ed i 13 anni e dal Sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi. A presiedere la giuria, lo scorso anno guidata dallo scrittore e drammaturgo lucano Raffaele Nigro, stavolta sarà Franco D'Ippolito, direttore del Teatro pubblico pugliese, ente che, peraltro, ha assicurato il suo patrocinio al festival di Teatrermitage. E non è tutto. A precedere il festival, dal 5 al 9 luglio, anche quest'anno ci sarà il cartellone d'iniziative “Le strade che ridono”: cinque giornate di iniziative collaterali – spettacoli e laboratori che privilegeranno la cultura del fare, coinvolgendo proprio i ragazzi – che saranno interamente dedicate a Pulcinella, con la partecipazione del Granteatrino di Paolo Comentale e della giovane compagnia Pulcinellamoltomosso. L'altra grande novità delle “Strade che ridono”, però, a parte l'organicità del progetto, ora monotematico e intitolato “Pulcinella, mon amour”, è l'allargamento delle manifestazioni all'intera città di Molfetta. A “ridere”, infatti, saranno proprio tutte le strade molfettesi. Colorate dall'entusiasmo e dai sorrisi dei ragazzi di ogni quartiere, periferie comprese. Perché Molfetta, ancora una volta, possa testimoniare il suo grande amore per l'infanzia.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet