Recupero Password
Tommaso fulminato sulla strada… dell'outlet CORSIVI
15 maggio 2004

Correvano i primi mesi del nuovo millennio. La poltrona dell'allora sindaco Guglielmo Minervini già manifestava i primi sintomi di “decomposizione”, quando fu presentato in Consiglio comunale il primo Protocollo d'Intesa tra il Comune e la società bresciana Alfa 1 di Brescia, rappresentata nell'occasione dal geometra Doria. Un'area di 340.000 mq, investimenti per centinaia di miliardi di vecchie lire, mille posti di lavoro, per una megacentro di distribuzione outlet, con annesso una sorta di parco giochi e d'intrattenimento per adulti e piccini. Tra incredulità, sgomento, curiosità per gli effetti speciali dei numeri, i consiglieri comunali chiesero chiarimenti e informazioni. Uno solo aveva le idee chiare: l'allora consigliere Tommaso Minervini, che con toni e gesta spezzanti liquidò i documenti presentati dalla società come carta straccia. Dopo cinque anni, molta acqua è passata sotto i ponti. La lira è stata sostituita dall'euro, si è passati dall'intervento umanitario alla guerra preventiva, Berlusconi a Palazzo Chigi si sta facendo i suoi interessi, Tommaso Minervini indossa l'agognata fascia tricolore, solo l'Inter continua a far dannare i suoi tifosi. Ora per il sindaco la “Città della moda” è un'occasione di sviluppo per la città. Evidentemente avrà cambiato idea, oppure allora era semplicemente invidioso. Francesco del Rosso
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet