Recupero Password
Sulla nomina degli scrutatori interviene il consigliere comunale Centrone
06 marzo 2006

MOLFETTA – 5.3.2006 Non ci sta il consigliere comunale di opposizione, Pietro Centrone, eletto lo scorso 31 gennaio in quota alla minoranza nella commissione elettorale che dovrà deliberare i criteri per la selezione degli scrutatori in vista delle prossime elezioni, a sentirsi dire che la sua presenza in quell'organismo legittimerebbe l'indirizzo approvato a maggioranza dai partiti della Casa delle Libertà con cui di fatto si abolisce il sorteggio e si introduce la chiamata nominale nella individuazione degli scrutatori. Non ci sta, e lo fa sapere con chiarezza in una nota diffusa in mattinata ed indirizzata alla nostra testata e all'associazione “Cittàttiva” che su tutta questa vicenda aveva chiesto, nei giorni scorsi, un confronto trasparente con i membri della Commissione elettorale. “La notizia on line pubblicata sul sito di Quindici lo scorso 4 marzo è piena di distorsioni e rischia di sollevare qualunquistici polveroni. Per questo sento il dovere di comunicare quanto segue: 1. La Commissione, prevista dalla legge, richiede espressamente per la sua valida costituzione un consigliere di minoranza effettivo ed un consigliere di minoranza supplente. Questo è un obbligo previsto dalla legge al quale non si può derogare. 2. Il consigliere Corrado Minervini dei DS non ha mai “rinunciato a tale incarico, per stigmatizzare….”, come viene riportato, per la semplicissima ragione che la minoranza unanimemente definiva di votare e quindi eleggere, il sottoscritto quale membro effettivo, ed il consigliere Luigi Cataldo quale supplente, con il mandato di rappresentarla nelle posizioni dovute. 3. Solo dopo l'elezione della commissione si è verificata la presentazione dell'emendamento De Bari (F.I.) contro il quale tutta l'opposizione, a partire dal sottoscritto, ha dato battaglia considerando l'abolizione del sorteggio una svolta becera e clientelare, come io stesso ho avuto modo di ribadire in un comunicato-stampa pubblicato dalla Gazzetta del Mezzogiorno pochi giorni dopo, correttamente e con grande evidenza. 4. Della durezza dell'intervento fa fede la registrazione del dibattito in Aula, nel corso del quale conclusi il mio intervento anticipando che, nel caso di utilizzo di metodi diversi dal sorteggio, i rappresentanti della minoranza si sarebbero dimessi immediatamente, per protesta, ma anche per bloccare ogni manovra”. Ma Centrone va oltre e, rispondendo alle richieste dell'associazione Cittàttiva, “assicura la massima disponibilità a riunioni o incontri aventi ad oggetto il tema in questione”, tranquillizzando sul fatto che “sarà messo in campo ogni impegno nella direzione invocata”. Anzi, stando a quel che sostiene il consigliere comunale di opposizione, la sua posizione molto ferma contro il criterio della nomina, è stata verbalizzata nel corso della prima seduta della commissione e sostenuta anche dal sindaco, Tommaso Minervini. Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet