Recupero Password
Sovrappasso Samarelle, un ponte a metà Si attende ancora il nulla-osta delle Ferrovie
15 novembre 1999

Procedono a ritmo sostenuto i lavori per la costruzione del sovrappasso di Levante, che congiungerà via Berlinguer e via XXV Aprile, attraversando la ferrovia. La costruzione di tale imponente opera pubblica, avviata lo scorso marzo, era stata prevista e messa a punto in un apposito progetto già nel 1989, ma non è stata mai realizzata in quanto la ditta vincitrice nella gara d’appalto è di lì a poco fallita! E’ stata l’amministrazione Minervini a interrompere finalmente un vuoto durato ben dieci anni, provvedendo ad aggiornare il progetto iniziale, così da renderlo eseguibile. Com’è ovvio, infatti, è stato necessario, dopo tanti anni, apportare degli adattamenti, legati da un lato a questioni di carattere geologico, dall’altro alle modifiche dei cavi elettrici della ferrovia che, in quest’arco di tempo, sono state effettuate. Ed è stato in particolare questo mutamento strutturale a determinare la necessità di aggiornare la convenzione con cui le Ferrovie fanno concessione al Comune di edificare al di sopra dei binari, di loro proprietà. Infatti le spese calcolate al momento in cui il progetto è stato ridefinito si sono rivelate superiori a quelle previste nel 1989 e ciò ha comportato un aumento del canone di convenzione. E’ stato questo l’intoppo che ha determinato nell’ultimo mese la sospensione dei lavori, ma l’ingegner Parisi, direttore degli stessi, assicura che nei prossimi giorni perverrà il “nulla osta” da parte delle Ferrovie, a sancire l’aggiornamento della convenzione e quindi ad autorizzare la costruzione entro lo spazio di sua proprietà. In particolare, ha spiegato l’ingegnere, il problema dei cavi elettrici, tempo fa modificati nell’altezza, verrà risolto facendoli passare attraverso appositi ganci disposti sotto le travi del sovrappasso. Fino all’arrivo di tale “nulla osta”, dunque, i lavori potranno procedere, così come avviene, solo per la parte di demanio di proprietà comunale. Vengono in tal modo smentite le dicerie presto diffusesi secondo cui il progetto sarebbe stato sbagliato nell’esecuzione, o addirittura, nella definizione! Piuttosto c’ è da sperare che i lavori possano essere ultimati al più presto, insieme a quelli del sovrappasso di Ponente, finanziato dal Cipe e attualmente in costruzione. Le due opere, infatti, congiuntamente formeranno una sorta di circonvallazione intorno alla città, consentendo di percorrerla da nord a sud per linee esterne e così di ridurne il traffico all’interno (o almeno questo è ciò che si auspica). Resta un dubbio: per quanto tempo ancora ci toccherà vedere un ponte a metà? Antonella Riefolo
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet