Recupero Password
Scuola: il Governo taglia, la Regione salva: 22 milioni per classi più piccole e garantire mille precari L'assessore Minervini: “Il governo regionale ha un'altra idea non solo degli insegnanti ma anche della scuola”
04 giugno 2009

MOLFETTA - Decisa reazione della Regione Puglia contro i tagli alla scuola del governo Berlusconi. A settembre a causa della legge Gelmini-Tremonti ci saranno in Puglia quasi quattromila docenti in meno. Solo a Molfetta sono circa 500 gli insegnanti abilitati, inseriti nelle graduatorie permanenti, che il prossimo anno potrebbero non trovare una cattedra, neanche in supplenza. ”Tremonti e la Gelmini hanno in testa una scuola parcheggio dequalificata, convinti che tanto ci sono troppi professori meridionali – commenta l'assessore alla Trasparenza Guglielmo Minervini(foto) -. Il governo regionale ha un'altra idea non solo degli insegnanti ma anche della scuola”. Per attuare questo disegno l'assessorato all'istruzione della Regione ha elaborato un accordo di programma che ha sottoposto al Ministero dell'istruzione al fine di salvare dai tagli un quarto dei docenti pugliesi a rischio per i prossimi due anni, con un finanziamento di 22 milioni di euro. La Regione, in accordo con la direzione scolastica regionale, ha proposto di agire per eliminare le classi sovraffollate, imponendo un tetto massimo di 25 alunni, contro i 30 previsti dal decreto Gelmini. Poi se nelle classi ci sarà uno studente disabile, la soglia massima di alunni si abbasserà a 20 unità. "Abbassare il numero degli studenti delle classi non significa solo salvare dall'espulsione migliaia di insegnanti magari precari da anni. Significa anche salvaguardare un minimo di qualità didattica, garantendo la possibilità di una relazione diretta e personale tra insegnanti e ragazzi”, evidenzia Minervini. Questa scelta, infatti, si calcola che genererà un aumento di oltre trecento classi in cui troveranno collocazione quasi mille cattedre in più rispetto alla pianta organica della scuola pugliese, messa in ginocchio dalla riforma del governo. “Noi abbiamo in testa un laboratorio di formazione al futuro sul quale la comunità ha interesse a investire il meglio delle sue risorse. Il meglio, non gli spiccioli dei suoi risparmi", conclude l'assessore. Ora si attende solo la firma del ministro Mariastella Gelmini che non dovrebbe tardare, considerando che l'operazione è a costo zero per lo Stato.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
CLICCA BLOG DITE LA VOSTRA: LETTERA AL DIRETTORE, DISSETATEVI DI LIBERTA'!!! La deriva è davanti ai nostri occhi: 30 anni di TV berlusconiana hanno partorito finalmente il mostro. Un pubblico addomesticato, che si rispecchia fedelmente nella personalità del suo messia. Ha i suoi stessi vizi, simili aspirazioni nei confronti di soldi, potere e sesso, aspirazioni che rimarranno solo sulla carta, per i comuni mortali. Tutto il fumo che è stato buttato negli occhi degli italiani sta facendo il suo effetto, ormai il premier e la sua sudicia cricca si comportano in modo aggressivo e vergognoso alla luce del sole, senza aver più paura dell'opinione pubblica, anche perchè di fatto nel nostro paese non esiste. Sono altre le cose importanti, il calcio, i culi delle veline, la possibilità di acquistare un nuovo telefonino a rate, il nuovo televisore a rate, la nuova automobile a rate. E perchè d'estate non fare una capatina al Billionaire, dove una coca cola costa 50 euro? Lì trovi tutta la gente che conta, quelli che vanno all'isola dei famosi, le letteronze (ma laureate, occhio!), Corona in nudo integrale, che bello. Se poi qualcuno osa anche solo muovere alcune critiche a questo sistema che sta rendendo tutti deficienti, è sicuramente un comunista, persone che vorrebbero cancellare la proprietà privata, gente senza Dio, libertini dissoluti che addirittura vorrebbero possibili i matrimoni tra persone dello stesso sesso!!! Ma in quanti sono quelli che vogliono veramente opporsi allo scempio del nostro poco orgoglio rimasto? Siamo in pochi. Facciamo troppo poco. Sì, va bene, partecipiamo a qualche manifestazione, votiamo De magistris, andiamo ad ascoltare Beppe Grillo, con gli amici ci atteggiamo a rivoluzionari incalliti. Non abbiamo ancora fatto un cazzo. Oppure quello che stiamo facendo non basta. Che ci piaccia o no, è una guerra, e noi andiamo in giro disarmati di fronte ai nostri aguzzini. LUNEDI' INIZIA LA STORIA...


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet