Recupero Password
Scandalo alla piscina comunale: un uomo fa la doccia nello spogliatoio femminile
07 gennaio 2003

MOLFETTA – 7.1.2003 Non c'è tregua per la piscina comunale. Dopo le polemiche per l'assegnazione dell'impianto al Coni, per i criteri di assunzione dei dipendenti, per la “donazione” della palestra, un altro increscioso episodio si è verificato qualche giorno fa. A fare scandalo questa volta è stato uno “sconosciuto” frequentatore che avrà pensato di farsi (o di fare?) un insolito regalo di Natale. Non i classici regali, né i più ricercati accessori hi-tech, piuttosto quello di soddisfare un recondito desiderio adolescenziale: fare la doccia in uno spogliatoio femminile. Così, dopo le fatiche del nuoto, approfittando del primo pomeriggio, con tanto di bagno schiuma e accappatoio, è entrato con disinvoltura nello spogliatoio dell'altro sesso (nella foto: le docce della piscina di Molfetta) per farsi la doccia. Fugato ogni dubbio sull'involontarietà dell'atto e vista l'ostinata presenza dell'uomo che si giustificava sostenendo che ci fossero degli operai in quello maschile, le imbarazzatissime signore, ricompostesi in gran fretta, hanno subito chiamato le istruttrici per denunciare l'avvenuta violazione del gineceo. Vinta l'incredulità iniziale le istruttrici e l'addetta alla segreteria si sono prodigate per trovare un uomo che intimasse al disinibito sportivo di abbandonare i suoi propositi. L'uomo, ripreso dalla direzione, ha mostrato la convinzione di essere in buona fede in quanto era stato attento ad osservare la regola di fare la doccia con il costume da bagno, e rimesso l'accappatoio con aria quasi infastidita è tornato a rivestirsi negli appositi spazi, per soli uomini. L'episodio è stato per tutti, protagonista escluso, certamente spiacevole, ma siamo del tutto certi che fosse inevitabile? Ci chiediamo se a tale scopo sarebbe bastato un cartello che vietasse espressamente l'ingresso nello spogliatoio del sesso opposto, o sarebbe necessaria, per scongiurare questo o altri pericoli, maggiore sorveglianza da parte degli addetti all'impianto? Michele de Sanctis jr.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Rispondiamo per tutti: la faziosità che ci rimproverano alcuni, sta solo nelle loro menti. Noi facciamo semplicemente il nostro mestiere di giornalisti, che è quello di decidere quali sono le notizie e quali no. Questa è una notizia. Ricordiamo a chi scrive anche in forma anonima e si permette di dare giudizi, che sia il giornale "Quindici", sia il sito "Quindici on line" sono fatti da professionisti, unico caso a Molfetta e forse anche nei dintorni. Ci chiediamo: se noi eprimessimo giudizi sulla professionalità di un lettore, sia esso insegnante o muratore o meccanico, senza averne competenza, cosa direbbe? Allora, perché tutti ritengono di avere competenza per esprimere giudizi su un mestiere difficile come quello del giornalista. Ignoranza e presunzione. In quanto al titolo "scandalo", anche questo fa parte del mestiere: i titoli devono essere un po' "gridati" per attirare l'attenzione dei lettori. Siamo sempre disponibili per dare qualche lezione di giornalismo - senza presunzione, ma con professionalità - per permettere a tutti di imparare come si scrive, ma soprattutto come si legge un giornale (come si fa oggi in molte scuole), quali sono le notizie e come si fanno i titoli. Infine, al signore che non si firma e pretende che sia pubblicato il suo giudizio, ricordiamo che la visualizzazione delle opinioni non è più immediata da tempo e solo dopo che sono state lette e valutate, vanno in rete. Naturalmente la redazione e il direttore di "Quindici on line" lavorano e non sono sempre collegati ad internet, quando lo fanno, inseriscono subito i commenti, senza censura alcuna, tranne gli insulti e le offese personali, perché, purtroppo, c'è chi abusa della democrazia e della libertà, pretendendola per sé e non rispettando quella degli altri, per cui ci ha costretto a dover verificare e ritardare la messa in rete delle opinioni. Peccato. Perciò, un po' di pazienza in più caro signor j.j. e impari a firmare e non a nascondersi nell'anonimato. Deve ringraziarci, perciò, perché malgrado la sua vigliaccheria, noi inseriamo la sua opinione in rete. Ricordiamo che chi scrive gli articoli, li firma anche.



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet