Recupero Password
Salvataggio di un pescatore in mare da parte dei militari della Guardia costiera
16 novembre 2005

MOLFETTA – 16.11.2005 Questa mattina alla Guadia costiera di Molfetta è pervenuta una richiesta di soccorso in mare da parte di un pescatore dilettante di Bitonto, di circa 50 anni che si trovava a 800 metri dalla costa in località Belluogo del Comune di giovinazzo. L'uomo era a bordo di un canotto lungo 2 metri e si trovava alla deriva, per il vento di scirocco che continuava a portarlo lontano dalla costa. Immediatamente il Cap. di Fregata (Cp) Luigi Leotta, capo del compartimento marittimo e comandante del porto di Molfetta ha avviato e diretto le operazioni di soccorso, disponendo l'uscita della motovedetta CP 2047 per la ricerca e l'assistenza al pescatore in difficoltà. La motovedetta condotta dal maresciallo Salvatore Binetti, ha raggiunto subito il gommone in difficoltà al largo della costa e ha prestato soccorso alla persona a bordo, che era molto spaventato e stremato delle forze, nell'inutile tentativo di raggiungere a remi la riva. Nel frattempo era stata allertata anche la direzione marittima, di Bari, la quale aveva dirottato nella zona anche un'altra motovedetta. Il gommone è stato poi portato nel porto di Giovinazzo. L'uomo è stato trovato in buono stato di salute e se l'è cavata solo con un grosso spavento. LOTTA ALLA DI FRODO Altra operazione qualche giorno fa, domenica, dei militari della Guardia costiera che a Giovinazzo hanno operato l'ennesimo sequestro di attrezzature illegali utilizzate nella pesca di frodo. Nel corso dell'attività di polizia marittima condotta nelle acque antistanti Torre Gavetone, i militari hanno individuato un attrezzo rudimenentale che si estendeva per circa 500 metri ancorato al fondale marino, al quale erano fissati un centinaio di contenitori che simulavano tane per specie polpi e che sarebbero servite per la cattura delle stesse. Questa operazione rientra nell'ambito della più ampia attività di vigilanza pesca che ha visto i militari impegnati anche a terra nel controllo delle attività commerciali, e che in prima battuta ha portato al sequestro di 200 metri di rete, 700 ricci e di alcune sostanze velenose, fatti per i quali i responsabili sono stati denunciati all'autorità giudiziaria.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet