Recupero Password
Rifondazione Molfetta: no all’aumento di bollette di luce e gas
21 gennaio 2022

 MOLFETTA - Rifondazione Comunista di Molfetta denuncia l'ennesimo aumento delle bollette di gas e luce. Il Governo e il Parlamento hanno il dovere di intervenire SERIAMENTE per bloccare quello che è, a tutti gli effetti, un indebito arricchimento di pochi a danno di molti.

Non aveva detto Draghi che è il momento di dare e non di prendere? Vale solo per i milionari e i miliardari? Tassare i ricchi in Italia è tabù, tartassare i cittadini, lavoratori e pensionati, e le piccole imprese commerciali, artigiane e professionali invece, sarebbe giusto per i partiti di questo governo. Infatti, non è un caso che i primi interventi nell’ultimo trimestre 2021 siano stati irrisori, se non ridicoli, per le tasche della maggioranza degli italiani.

Se è vero che a livello internazionale i prezzi di petrolio e gas sono determinati in gran parte dalle scorribande borsistiche di trader senza scrupoli, è altrettanto vero che in Italia la situazione è a dir poco SCANDALOSA:

-  già dal primo trimestre del 2018 le bollette luce e gas hanno ricevuto aumenti corposi nella voce “oneri di sistema” con la motivazione che erano necessari per fronteggiare i mancati incassi di aziende venditrici operanti nel mercato libero “all’italiana” a causa dei clienti morosi (per qualche sciacallo del momento, invece, la colpa era dei 35€ agli immigrati);

-  in precedenza erano aumentate anche altre voci, non legate ai consumi, che avevano fatto salire i costi fissi di utenze ad uso commerciale e condominiale (“la luce delle scale”).

Tutti voi potete verificare questo leggendo le voci di dettaglio delle bollette! Solo in Italia quando i costi della materia prima sono bassi, si aumentano i costi fissi e quando i costi della materia prima salgono velocemente, i costi fissi non scendono altrettanto velocemente.

E che dire dell’autorità di controllo dell’energia elettrica e il gas? A chi risponde? Ai cittadini italiani? A certa politica? Alle grandi aziende del settore? A investitori internazionali? Come è possibile che si leggano certe percentuali nei comunicati sugli aumenti da trimestre a trimestre e poi invece nella realtà nel servizio di tutela gas si passa da circa 0,54€/smc a 0,92€/smc? Quanto è l’aumento in percentuale? 20%? 40%? Oppure 70%? Attendiamo “lumi” dai “migliori”.

Questo ennesimo aumento dimostra che la privatizzazione e la liberalizzazione sono state solo una fregatura, l'ennesima fallimentare riforma neoliberista bipartisan. Invece di tutelare i consumatori, la politica è da anni al servizio di certi ambienti.

E’ necessaria una RIFORMA RADICALE di tutto il sistema di vendita e distribuzione di energia elettrica e gas: il Servizio di Tutela non deve essere chiuso, anzi dovrebbe essere potenziato e sorvegliato da organismi popolari (realmente al servizio dei cittadini – consumatori); il mercato libero “all’italiana” non deve essere una giungla dove è possibile “investire” con garanzie ridicole che permettono arricchimento veloce per imprenditori senza scrupoli, che poi scappano con i soldi in cassa alla prima occasione utile.

Ci avevano promesso bollette meno care e invece veniamo tartassati!

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet