Recupero Password
“Ricostruire lo sviluppo”, saggio su Molfetta di Corrado Minervini Sarà presentato mercoledì alla Pinta alla presenza di Mimmo Favuzzi, del Sen. Azzollini, dell'assessore Minervini e di Tommaso Minervini
15 maggio 2006

MOLFETTA - Una maniera quanto meno originale di render noto il frutto della propria fatica, quella scelta da Corrado Minervini, dottore in Scienze Politiche e consigliere comunale uscente. Mercoledì 17 maggio, alle ore 21, presso il pub la Pinta, si terrà la presentazione del suo saggio sullo sviluppo a Molfetta, rielaborazione della sua tesi di laurea, ma profondamente influenzato anche dalla sua esperienza politica.
“Ricostruire lo sviluppo – il Mezzogiorno in una Molfetta sostenibile” – è questo il titolo del libro - verrà presentato da quattro ospiti d'eccezione, protagonisti della vita politica della città di Molfetta dall'inizio degli anni Novanta al delicato passaggio al nuovo millennio, senza paura di scavalcare gli steccati ideologici.
Saranno, infatti, Antonio Azzollini (candidato sindaco della Casa delle libertà), Mimmo Favuzzi (Presidente della locale sezione dei DS), Guglielmo Minervini (Assessore Regionale ed ex Sindaco) e Tommaso Minervini (candidato sindaco del terzo polo) a discutere del rapporto tra le classi dirigenti molfettesi ed i processi socioeconomici della città.
Introdurrà Onofrio Romano (ricercatore e docente di Sociologia Economica all'Università degli studi di Bari), ev farà da moderatore Davide de Candia (ricercatore di Scienza politica). All'iniziativa sarà presente l'autore.
Seguirà una performance jazz a cura di Luigi Tridente al sax, Gianluca de Bari alla chitarra e Pasquale Gadaleta al contrabbasso.
Il volume, edito da In-Printing, esamina la situazione socio-economica di Molfetta, paradigmatica di molte città del Mezzogiorno, e analizza una realtà imprenditoriale paralizzata e fiaccata da una mentalità poco incline a proporsi fuori dagli ormai angusti confini locali.
“Ricostruire lo sviluppo significa rielaborare ancora una volta l'antica arte della mediazione, ma senza scivolamenti verso il basso. Il primo passo è fare sistema tra le risorse attive e propositive della città, che possono concretarsi in cooperative, consorzi, cartelli perché cambiare si può e si deve”, afferma l'autore. La cooperazione tra professionalità cittadine è la via maestra: non è un caso che lo stesso Corrado Minervini abbia utilizzato giovani risorse di Molfetta per pubblicare il suo scritto.
Alla fotografia,veste grafica ed editoriale hanno collaborato Dario De Robertis, Sergio Pio Sasso e Antonio Cesari. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.corradominervini.it e www.in-printing.org.
Autore: Lella Salvemini
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet