Recupero Password
Riaprite il Pulo! Chiamata alle armi dalla Provincia Coinvolte le associazioni Archeoclub, Ictius, Legambiente, Pro Loco, Centro Studi di Didattica ambientale di Ruvo “Terrae” e Wwf
15 gennaio 2006

Riaprire al pubblico il Pulo. L'imperativo lanciato alcune settimane fa dall'ente provinciale pare essere davvero “categorico”. Ma, oltre le intenzioni (pure importanti, e però mai sufficienti), restano al momento aperti gli scenari relativi alle modalità di gestione del sito. Entrambi i consiglieri provinciali molfettesi (Domenico Cives e Antonello Zaza) hanno scelto di percorrere la strada del coinvolgimento, quanto mai diretto, di quelle associazioni locali il cui ambito d'azione è, più che in altri casi, affine alle peculiarità del Pulo (peculiarità storico-archeologiche per un verso, naturalistico-paesaggistiche per altro verso). Al momento, la “chiamata alle armi” ha interessato l'Archeoclub, l'associazione “Ictius”, la Legambiente, la Pro Loco, il Centro Studi di Didattica ambientale di Ruvo “Terrae” e il Wwf. A questi soggetti la Provincia ha fatto appello, chiedendo loro di formulare un'ipotesi di gestione del sito che li veda, peraltro, direttamente coinvolti anche nella fase attuativa. Diverse e ancora oggetto di discussione, le proposte sul tappeto. Se per alcuni prioritario è dischiudere nel più breve tempo possibile i battenti del Pulo (rimasti chiusi per troppo tempo o riaperti soltanto a fasi alterne), per altri il presunto 'problema- Pulo' (una sorta di “patata bollente”, da far sbollire in qualche modo) non può essere scisso dalla necessità di avviare la piena valorizzazione e fruizione di altri beni culturali che insistono sul territorio del Comune di Molfetta e dei Comuni limitrofi. Facile intuire che, se nel primo caso ad occuparsi delle “incombenze” derivanti dalla gestione corrente del bene potrebbero essere le associazioni stesse (trattandosi, in buona sostanza, di tenere aperto il sito e, al più, programmare visite guidate alla dolina), nel secondo caso certamente insufficiente sarebbe l'apporto che potrebbe venire dai soli volontari e, dunque, assai più impegnativo diverrebbe il ruolo esercitato dagli enti locali interessati (facenti parte – questa una delle proposte – di un soggetto misto, pubblico-privato). Sia che si intenda propendere per la prima ipotesi (semplice riapertura del Pulo, realizzabile in breve tempo ma probabilmente di corto respiro), sia che si prediliga la seconda (messa a sistema del Pulo con altri beni culturali, prospettiva più durevole e solida, ma certamente meno immediata), la valutazione dei pro e i contro dovrà certamente tenere in debito conto la recente storia passata del sito (fatta anche dei numerosi falliti tentativi di restituirlo pienamente alla comunità). In tal senso, l'esigenza, pur legittima, di rendere il Pulo fruibile al pubblico nel più breve tempo possibile, non potrà evidentemente avvalersi di approcci miopi ed “emergenziali”, utili soltanto ad alimentare l'ormai logoro e sospetto meccanismo della “valorizzazione a intermittenza” (una contraddizione in termini!) dei beni che appartengono all'intera comunità. Tiziana Ragno tiziana.ragno@quindici-molfetta.it
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Sulla questione Pulo mi ero espresso su queste pagine di Quindici On-Line anni fa', con una denuncia personale, quando durante le vacanze estive avevo avuto la bella idea di mostrare ai miei amici veneti in vacanza a Molfetta la straordinaria e unica bellezza del Pulo. Aimè l'incredulità mista a vergogna nei confronti dei miei amici fu tale da inventare inutili scuse per non fargli sapere qual'era la verità. In breve, c'erano le guide ma il percorso non era agibile per l'inclumità del personale e dei visitatori; si pagavano due addette per dissuadere la gente ad andare a visitare il Pulo. "VERGOGNAAAAAAAAAAAAAA". All'allora amministrazione (Minervini Guglielmo)avevo chiesto spiegazioni con una e-mail e gentilmente mi aveva risposto che erano in trattative con la Provincia per risolvere il problema delle responsabilità di gestione tra questa ed il comune di Molfetta. Ad oggi leggo che tutto è in alto mare che la competenza tra le amministrazioni non è stata risolta e che si dà più importanza alla città della moda o quant'altro piuttosto di attirare turisti con un'opera archeologica di tale importanza che tutti c'invidiano. VERGOGNAAAAAAAAAA!!!!!!!!! Cari Molfettesi, preparatevi al tradizionale furto estivo delle spiagge private costiere o di quell'orrenda passeggiata del lungomare insignificante e diseducativa. Chi vi governa, quest'estate vi accomoderà con il solito "Panem et circenses" che concedevano i dittatori romani alla plebe per distrarla dalla "Res publica" ovvero dai loro affari. MEDITATE MOLFETTESI.....MEDITATE.......
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet