Recupero Password
Riaperta la piscina La gestione torna al Coni
15 dicembre 2008

Era destinata a testimoniare la reiterata ambiguità dell'amministrazione comunale nella gestione delle risorse e dei beni della città, almeno fino al mese scorso. Dopo la riconsegna dell'impianto, a luglio, da parte del Coni al Comune, sembrava che la piscina comunale per tutta la stagione 2008/2009 dovesse rimaner chiusa al pubblico, a causa dei lavori di ristrutturazione e del mancato accordo tra Comune e Coni Puglia: con una serie di conseguenze, non solo per i mancati introiti degli abbonamenti, ma anche per un numero indefinito di addetti, tra istruttori e collaboratori, che avrebbe perso il proprio lavoro. Era nell'aria che la piscina avrebbe comunque riaperto, ma non si conoscevano i termini, anche perché tra Comune e Coni Puglia sembrava essere nato un vero e proprio braccio di ferro: la conferenza stampa in cui il sindaco Antonio Azzolini e il presidente Coni Puglia Elio Sannicandro hanno annunciato la riapertura della struttura, lascia essenzialmente alcuni dubbi, tra cui le modalità dei lavori di ristrutturazione che andranno sicuramente realizzati. Su questo punto il sindaco ha sottolineato la “sensibilità e la collaborazione dell'impresa [di cui non si conosce il nome] che effettuerà i lavori, mentre la piscina resterà operativa, senza costi aggiuntivi [ma quanto costeranno questi lavori al Comune?]”. Ci si chiede, allora, se questa prospettiva sarà realizzata come delineato dal sindaco. Resta la certezza che il Coni Puglia si impegna per il settimo anno consecutivo a curare l'attività gestionale dell'impianto, all'avanguardia in Italia sia per soluzioni tecniche e materiali adottati, sia per i risultati ottenuti in questi anni sulla base di un modello gestionale innovativo, onere che terminerà quando verrà determinata una gestione definitiva. Appare ovvio che l'accordo sia stato raggiunto sotto l'egida del Comitato olimpico regionale e di una serie di istituzioni – dalla Federnuoto al Comitato Italiano Paraolimpico – piuttosto che da un impegno reale e costante dell'amministrazione, benché il sindaco abbia parlato di “sforzo particolare” e “salto mortale”, dovuti in primis all'insufficienza delle risorse finanziarie e degli investimenti. Le motivazioni di questa nuova sinergia sono da ricercare nelle vittorie numeriche che la piscina comunale ha conquistato in questi sei anni, tali da palesarne l'importanza sociale e territoriale: una media annua di circa 4200 utenti, di cui 3500 per i corsi di nuoto o il nuoto assistito, provenienti in gran numero da Molfetta, Terlizzi e Bisceglie, di 80 disabili, di 350 alunni per 5 istituti scolastici di Molfetta, di 44 ragazzi segnalati dai servizi sociali, di 216 tesserati per attività agonistica e pre-agonistica, con l'uso dell'annessa palestra a beneficio delle squadre agonistiche; senza dimenticare l'utilità del nuoto neonatale, con 160 presenze in due sei anni; ed ancora gli spazi gratuiti alle società sportive, come la Molfetta Nuoto e la Rari Nantes Bari, per allenamenti e gare ufficiali, i corsi per attività subacquee, l'uso gratuito per una serie di manifestazioni sportive. Durante la conferenza stampa, il sen. Antonio Azzollini ha invitato i presenti a operare una capillare informazione sulla riapertura della piscina: le iscrizioni nel mese di dicembre, mentre i corsi saranno avviati a gennaio. La speranza dell'amministrazione è quella di raggiungere la quota di abbonamenti degli anni passati, ma il ritardato avvio della stagione ha compromesso gran parte delle iscrizioni: molti molfettesi hanno scelto le locazioni sportive di altri centri vicini e di certo non sarà una riapertura “mordi e fuggi” a riportarli a Molfetta, provocando così delle perdite nei profitti. Una prossima volta, nell'interesse di tutti, bisognerà essere più rapidi e lungimiranti, magari, mettere da parte egoismo personale ed orgoglio di classe.
Autore: Marcello La Forgia
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet