Recupero Password
REGIONANDO - Attività legislativa, collaborazione tra il Consiglio e la Prefettura di Bari Incontri tra il presidente del Consiglio regionale Pietro Pepe e il prefetto di Bari, Carlo Schilardi, per definire i capisaldi della collaborazione
24 luglio 2006

BARI - Collaborazione, raccordo e sinergia: sono questi i principi ispiratori dell'intesa tra Consiglio regionale della Puglia e la Prefettura di Bari, finalizzata a migliorare la qualità legislativa degli atti della Regione. L'ufficio di presidenza del Consiglio regionale (presenti il presidente Pepe, il vicepresidente Mineo, i consiglieri-segretari Bonasora e Attanasio) ha ratificato l'accordo, dando così il via a questa nuova forma di intesa istituzionale. Come è scaturita questa novità? Nei giorni scorsi ci sono stati ripetuti incontri tra il presidente del Consiglio regionale Pietro Pepe (foto) e il prefetto di Bari, Carlo Schilardi, per definire i capisaldi della collaborazione che si fonda sulla legge n. 131 del 5 giugno 2003 (Disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18 ottobre, n. 3). La norma, all'art. 10, stabilisce che il prefetto del capoluogo di regione è il rappresentante dello Stato per i rapporti con il sistema delle autonomie. Tra le funzioni previste, vi è “la tempestiva informazione alla presidenza del Consiglio dei ministri – dipartimento per gli Affari regionali e ai ministeri interessati – degli statuti regionali e degli atti amministrativi regionali, nonché il tempestivo invio dei medesimi atti all'Ufficio dell'Avvocatura dello Stato”. Per attuare la legge, la Prefettura di Bari ha proposto al Consiglio regionale un'azione di raccordo, “nel rispetto del principi di leale collaborazione” tra le strutture competenti dei due organismi per una valutazione legislativa delle leggi regionali pubblicate, ma anche di quelle in corso di pubblicazione o in fase di approvazione, che presentino aspetti rilevanti di ordine costituzionale e comunitario. Lo scopo è chiaro: migliorare la qualità legislativa in modo che gli atti siano conformi alla Carta costituzionale e alle norme comunitarie per evitare rilievi o osservazioni. Nel recente passato, per esempio, questa sinergia ha dato risultati importanti nella definizione della legge sull'usura. Il presidente del Consiglio Pietro Pepe afferma che “con questa intesa, recepita e approvata dall'Ufficio di presidenza, si rafforza la stretta sintonia tra il Consiglio regionale e la Prefettura di Bari. Ringrazio il prefetto Schilardi che ha creduto alla realizzazione del progetto che mira, nel rispetto della leale collaborazione e delle reciproche autonomie, a migliorare la qualità e la razionalità amministrativa delle leggi regionali. Quella legislativa è la funzione principale a cui debbono assolvere i Consigli regionali. Proprio per questo abbiamo il dovere di migliorare le leggi, con una semplificazione del linguaggio, e di renderle del tutto coerenti alla Costituzione e alle norme dell'Unione Europea. L'accordo sottoscritto con la Prefettura di Bari va in questa direzione”.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet