Recupero Password
Quante leggi “legano” lo sport Convegno promosso dal Panathlon
15 febbraio 2004

“Sport tante leggi poche certezze”, è questo slogan che ha dato il titolo all'acceso confronto nell'Aula Consiliare del Palazzo Giovine, che ha visto protagonisti il sen. Antonio Azzollini, il presidente dei commercialisti di Molfetta dott. Eugenio Sajeva, il presidente dell'Associazione Sportiva Panathlon, avv. Oronzo Amato e il sindaco Tommaso Minervini. Lo Sport, dunque protagonista per una sera, una questione che ha riunito numerosi cittadini e giovani studenti, intervenuti anche alla fine del dibattito. Nonostante lo Sport sia uno dei pochi “fenomeni” che si astiene dalla politica, come ha sottolineato Amato, è pero in compenso, compensazione, oserei dire, mortificante, attanagliato da una congerie di norme finanziarie, legislative e civilistiche, che ne fanno perdere la sua vitale essenza. E vero sì che lo sport muove una quantità di uomini, investimenti e risparmi, ma tutto sembra ridursi a pura burocrazia. Nel corso della serata si è cercato di focalizzare alcuni punti riguardanti soprattutto le società dilettantistiche, e la loro legittimazione sul territorio; si è parlato della nuova finanziaria che promette agevolazioni fiscali ma ancora numeri e cifre che non sembrano cancellare lo scetticismo di molti, sportivi e non. Salvando il salvabile o parlando di sport come piace a noi, rimane che il 2004 è stato proclamato dal Parlamento Europeo e dall'Unione Europea “anno Europeo dell'Educazione attraverso lo Sport”. Il decreto è stato varato al fine di incentivare l'attività sportiva come strumento di aggregazione e integrazione sociale, grazie anche a progetti di scambio e collaborazione tra persone di diverse etnie. Le organizzazioni sportive, gli enti pubblici e soprattutto le scuole sono chiamate per la promozione di progetti che sviluppino un sano equilibrio tra attività intellettuali e fisiche; partendo dalla base, l'avviamento allo sport deve avvenire proprio all'interno delle scuole che accompagnano la crescita di ogni ragazzo, fornendo alle volte risposte sul suo futuro. L'auspicio è quello di dare una immagine diversa allo sport che passi attraverso adeguati investimenti umani e finanziari per giungere alla formazione completa e al mantenimento della salute e del benessere generale. Stringendo il campo alla nostra città, il 6 giugno ci sarà per la Giornata nazionale dello sport un raduno regionale. Non bisogna dimenticare infatti, ha ricordato il sindaco, che Molfetta è stata indicata dal Coni per la maggiore incidenza delle strutture sportive (in ultimo l'inaugurazione del nuovo palazzetto Poli) con gestioni importanti come quelle delle piscine. E non di certo di minore importanza sono le Stelle d'argento assegnate dal Coni stesso alla Polisportiva Libertas Molfetta e al Circolo Tennistavolo Molfetta per il merito sportivo. Speriamo che questo anno “sportivo” porti alla moltiplicazione di iniziative non solo sportive ma legate anche alla cultura e al tempo libero; perché si sa: mens sana in corpore sano. Laura Amoruso
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet