Recupero Password
Presunta truffa da 150 milioni di euro per il nuovo porto di Molfetta, domani udienza preliminare a Trani: 45 richieste di rinvio a giudizio, coinvolto anche l'ex sindaco sen. Azzollini
29 settembre 2016

MOLFETTA – E’ arrivata l’ora del giudizio per la vicenda della costruzione del nuovo porto commerciale di Molfetta. Domani, venerdì, davanti al giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Trani, Francesco Messina, verranno discusse le 45 richieste di rinvio a giudizio (tutti i nomi in fondo all’articolo) formulate dalla Procura a conclusione delle indagini.

Fra i nomi eccellenti spiccano quelli dell’ex sindaco ed ex presidente della commissione Bilancio del Senato, Antonio Azzollini, dell’ing. Vincenzo Balducci, responsabile unico del procedimento e di Giorgio Calderoni, procuratore speciale della CMC in qualità di direttore tecnico d'appalto, questi ultimi due furono arrestati (domiciliari) all’epoca e poi successivamente scarcerati. Coinvolto anche Giuseppe Domenico De Bari (detto Giusi), dirigente del settore economico-finanziario del Comune di Molfetta.
Nell’inchiesta sono coinvolti dirigenti comunali e delle società interessate al ricco appalto per i faraonici lavori del nuovo porto, che finì sequestrato dalla Procura e poi temporaneamente dissequestrato per consentire l’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza dell’opera.
Questi i reati contestati, tra gli altri, a vario titolo: associazione per delinquere, abuso d'ufficio (tentato e consumato), falso, omissioni d'atti d'ufficio, frode in pubbliche forniture, danneggiamento, minaccia a pubblico ufficiale, violazioni della normativa ambientale, del testo unico sull'edilizia, del codice del paesaggio e della disciplina speciale per la bonifica da ordigni bellici.
La precedente udienza del 7 luglio scorso era saltata a causa di alcuni errori procedurali. Le richiesta di rinvio a giudizio sono state formulate dal procuratore facente funzione Francesco Giannella e del sostituto procuratore Michele Ruggiero. Non è escluso che per alcune persone coinvolte, si possa procedere col rito abbreviato del patteggiamento, che andrebbe discusso in altra udienza per arrivare subito a sentenza con una riduzione della pena.
Il Comune di Molfetta, come preannunciato dall’ex sindaco Paola Natalicchio, si costituirà parte civile nel processo, con un decreto del commissario straordinario Mauro Passerotti, per accertare e recuperare eventuali danni patrimoniali e finanziari. L’incarico è stato affidato al nuovo responsabile del servizio giuridico-legale del Comune avv. Raffaele Marciano, nominato dal commissario dopo la relativa gara. Non è escluso che anche altri soggetti possano costituirsi parte civile per diversi reati contro il patrimonio e l’ambiente.

I lavori, che sarebbero dovuto costare 72 milioni di euro, erano quasi raddoppiati fino quasi 150 milioni (147 per l’esattezza) con l’impegno economico richiesti alla Regione e allo Stato. Secondo l’accusa una parte di queste somme sarebbe stata utilizzata per assestare il bilancio comunale del Comune di Molfetta.
Il Corpo forestale dello Stato ha effettuato le indagini sotto il profilo ambientale e della sicurezza a causa della presenza di ordigni bellici sui fondali, uno dei motivi per i quali i lavori del porto non sarebbero dovuti mai incominciare, prima di aver effettuato la relativa bonifica. Proprio la Procura della Repubblica definì il porto “opera faraonica irrealizzabile”, una risposta a quanti ancora oggi ritengono che l’opera possa essere completata a prescindere da tutto, ingannando l’opinione pubblica. L’accusa parla anche di una presunta rete di interessi, illeciti, depistaggi, minacce (dalle intercettazioni: “fate attenzione che questa è una cosa più grande di voi”; “andate via, qui c’è Roma dietro”; “sono cazzi vostri, qua nessuno vi ha autorizzati”) rivolte, secondo gli inquirenti anche a marescialli della finanza in occasione di un controllo del cantiere. Si parla anche di costose varianti oltre ogni previsione di budget e quindi di supposti artifici contabili.

La Guardia di Finanza definì “Sistema Molfetta” il complesso amministrativo-contabile dell’opera. L’ex sindaco Azzollini aveva fatto del porto un suo cavallo di battaglia, trascurando gli altri problemi cittadini per buttarsi a capofitto nella caparbia realizzazione di quest’opera, facendo propaganda anche con diversi manifesti affissi in città, come quello “Dedicato ai nostri figli” (foto), quasi che quest’opera, che finora ha prodotto solo danni a Molfetta, fosse la miracolosa soluzione per la disoccupazione giovanile, ingannando i molfettesi e quelli che ancora ci credono.

Lo scandalo del porto ha fatto finire Molfetta, ancora una volta negativamente su tutti i media nazionali. In città alcuni supporter del sen. Azzollini stanno facendo da mesi pressione perché i lavori del porto commerciale possano riprendere, anche in una situazione di pendenza giudiziaria. Alle pressioni ha sempre resistito l’ex sindaco Paola Natalicchio, per evitare nuove possibili illegalità. C’è perfino qualche personaggio della destra in cerca di visibilità (soggetti da avanspettacolo) che arrivano ad affermare come sia inutile fare i processi e spendere soldi, quando sarebbe più utile utilizzare lo stesso denaro per completare l’opera, anche in una situazione di illegalità. Questo è il clima negli ambienti del centrodestra e la tesi di altri giornali fiancheggiatori del senatore, tornato berlusconiano, una strategia che mira a rendere l’aria incandescente e magari a influenzare la magistratura.

Questi i nomi dei 45 soggetti coinvolti, per i quali è stata formulata la richiesta di rinvio a giudizio: il senatore Antonio Azzollini, ex sindaco di Molfetta ed ex presidente della commissione bilancio del Senato; Vincenzo Balducci, responsabile unico del procedimento; Giuseppe Domenico De Bari, dirigente del settore economico-finanziario del Comune di Molfetta; Giovanni Antonio Abbattista componente del collegio di revisione dei conti del Comune di Molfetta; Giuseppe Antonelli, responsabile del servizio di prevenzione e protezione della Molfetta Newport Scarl; Luca Barbara, direttore tecnico del cantiere portuale; Pasquale Botta, autista della ditta "Dell'Erba Gaetano" subappaltatrice della Srl Fantozzi Group; Giorgio Calderoni, procuratore speciale della CMC in qualità di direttore tecnico d'appalto; Michele Camero, segretario generale del Comune di Molfetta; Alfio Capraro, capo cantiere della Fantozzi Group Srl; Maurizio Cavalieri, dipendente della CMC; Pierre Catteau, procuratore speciale della SIDRA; Domenico Corrieri, dirigente pro tempore del settore affari generali del Comune di Molfetta; Silvestro Costa, dipendente della CMC; Nicola Cuccovillo, collaboratore esterno della direzione lavori con funzioni di direttore operativo; Daniele Defendi, direttore dei lavori di dragaggio condotti dalla SIDRA; Gaetano Dell'Erba, titolare dell'omonima ditta in qualità di fornitore e trasportatore del materiale inerte da cava; Giuseppe Dell'Erba, amministratore di fatto della ditta Dell'Erba Gaetano; Giuseppe De Pinto, geometra presso il settore lavori pubblici del Comune di Molfetta; Maurizio Didonè, responsabile del servizio di prevenzione e protezione della Molfetta Newport; Michele Ettorre, capocantiere e responsabile di produzione della SIDRA; Massimo Fantozzi, legale rappresentante della Fantozzi Group Srl; Dario Foschini e Francesco Giuffrida, presidenti del CdA della Molfetta Newport; Franco Grimaldi, legale rappresentante dell'Idrotec Srl; Giuseppe Grondona, direttore tecnico e procuratore speciale della Spa Pietro Cidonio di Roma, che è indagata anche quale persona giuridica; Gerardo Lavolpe, dipendente della Fantozzi Group Srl; Roberto Leonardi, presidente del CdA della Molfetta Newport; Gianluca Loliva, componente dell'ufficio della direzione dei lavori con incarico di direttore operativo; Carlo Alberto Marconi, direttore tecnico e procuratore speciale della SIDRA; Massimo Matteucci, presidente del CdA della CMC; il finanziere Giuseppe Mattiello; Osvaldo Mazzola, amministratore unico della SpA Cidonio; Gian Luca Menchini, presidente del CdA della Molfetta Newport; Michele Mezzina e Gaetano Mario Panunzio, componenti il collegio dei revisori dei conti del Comune di Molfetta; Carlo Parmigiani, direttore tecnico della CMC; Pietro Scrimieri, componente dell'ufficio della direzione lavori con funzione di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Paolo Turbolente, legale rappresentante della Srl Acquatecno di Roma; Piergiorgio Zannini, titolare dell'omonima ditta per l'attività di bonifiche subacquee da ordigni esplosivi e residuati bellici con sede legale a La Spezia; le persone giuridiche Cooperativa Muratori e Cementisti (C.M.C.) di Ravenna; Società Italiana Dragaggi SpA (SIDRA) con sede a Roma; Società Consortile Molfetta Newport; Fantozzi Group Srl con sede a Roma.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet