Recupero Password
Panathlon Molfetta, l'impegno dell'Aces Europe per il miglioramento della salute attraverso lo sport Le ragioni della candidatura di Molfetta a Città Europea dello Sport dibattito venerdì 27 alle ore 19 nell'aula consiliare
26 febbraio 2015

MOLFETTA - Il Panathlon Club Molfetta, associazione affiliata al Panathlon International con finalità di promozione culturale e sportiva, in occasione della visita della Commissione di Valutazione dell’Aces Europe per la candidatura a “Città europea dello sport 2016”, ha organizzato con il Patrocinio del Comune di Molfetta e la collaborazione dell’Assessorato allo Sport l’incontro dibattito con gli Istituti Scolastici, le Associazioni Sportive e non, gli Enti di Promozione Sportiva e la cittadinanza sul tema: “L’impegno dell’Aces Europe per il miglioramento della salute attraverso lo sport”.

Relatore dell’incontro, che si svolgerà venerdì 27 febbraio alle ore 19 nell’Aula Consiliare “G. Carnicella” di Palazzo Giovene in Piazza Municipio, sarà il Prof. Gian Francesco Lupattelli, Presidente dell’Aces Europe, del Movimento Sportivo Popolare Italia e della Commissione di Valutazione Aces.

Presenzieranno la Dott.ssa Paola Natalicchio, Sindaco di Molfetta; il Prof. Guglielmo Minervini Assessore Regionale allo Sport; l’Avv. Oronzo Amato, Segretario Distretto Italia Panathlon International e Governatore Area 8ª Puglia-Calabria-Basilicata.

Interverranno i Componenti della Commissione di Valutazione Aces: Dott. Michele Barbone (Presidente Regionale Onorario Coni), Dott. Salvatore Maturo (Consigliere Nazionale Centro Sportivo Italiano), Dott. Cosimo Galeone (Presidente Regionale Movimento Sportivo Popolare), Dott. Antonio Gambacorta (Vice Presidente Distretto Italia Panathlon International.); saranno presenti anche le autorità militari, civili e sportive.

L’Aces è l’Associazione delle Capitali Europee dello Sport (European Capitals of Sport Association), che, partendo dal presupposto dello sport inteso quale fattore di aggregazione della società, di miglioramento della qualità della vita, di benessere psicofisico degli individui e di piena integrazione delle fasce sociali in condizioni di disagio promuove a livello municipale i valori olimpici perseguendo cinque obiettivi: esercizio fisico inteso come divertimento; attività fisica piacevole, spirito e sentimento di collettività; correttezza e rispetto nell’attività sportiva; miglioramento della salute.

Per perseguire questi obiettivi l’Aces assegna annualmente i riconoscimenti di “Capitale Europea dello Sport” (ai Comuni con oltre 500.000 abitanti), “Città Europea dello Sport” (ai Comuni dai 25.000 ai 499.999 abitanti) e “Comune Europeo dello Sport” (ai Comuni fino a 24.999 abitanti), tenendo conto delle azioni realizzate negli ultimi cinque anni dai Comuni candidati in materia di: promozione degli sport; miglioramento della salute per tutte le età; integrazione dei gruppi socialmente svantaggiati attraverso lo sport, sviluppo delle infrastrutture sportive; realizzazione di progetti innovativi sportivi; organizzazione di eventi sportivi nazionali ed internazionali.

Infine è da tenere presente che l’Aces opera in sinergia con la Commissione Europea, in particolare per le iniziative presentate nel cosiddetto “Libro Bianco dello Sport” ed in collaborazione con il Comitato Paralimpico Europeo (EPC).

Ed una massiccia partecipazione all’incontro con la Commissione Aces della cittadinanza ed in particolare del movimento sportivo locale con dirigenti, tecnici, atleti, arbitri sarà il modo migliore ed irripetibile per testimoniare la molteplicità ed importanza dell’associazionismo sportivo molfettese ed il suo buon diritto ad ottenere il riconoscimento di Città Europea dello Sport  2016: per il suo passato, per il suo presente e soprattutto per il suo futuro.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Considerando le problematiche che affliggono la nostra città ci chiediamo se realmente Molfetta possa diventare Città Europea dello Sport 2016. Facendo una attenta analisi delle discipline sportive praticate a Molfetta da tantissime persone, certamente non abbiamo da invidiare niente a nessuno. Ma... le strutture sono il vero dramma. Se diventare città europea significa riceve dei contributi per sistemare gli impianti allora siamo tutti contenti. Analizziamo per sommi capi la drammatica situazione: campo Paolo Poli inagibile in alcune parti e sempre più in declino negli ultimi anni - pista di atletica obsoleta, campo Petrone con spogliatoi fatiscenti, Palazzetto dello Sport PalaPoli con capienza ridotta e sale adiacenti con pavimentazione pericolosa, Palazzetto Don Sturzo (con pista esterna impraticabile in alcuni periodi) e Via Giovinazzo con amianto sui tetti e senza impianti di riscaldamento, Piscina comunale ormai un lido balneare più che piscina, campetti di calcio a 5 Viale Gramsci non agibili, campetto via Salvemini non agibile, vicina pista di pattinaggio mai resa utilizzabile seriamente, nuova pista di atletica... ancora in costruzione. Siamo messi un pò maluccio, non credete?! Bisognerebbe prima sistemare le strutture, renderle agibili, sicure, poi decidere quali far gestire direttamente dal Comune e quali affidare in gestione ai privati attraverso bandi pubblici (facendo versare cauzioni €€€€, in garanzia prima dell'affido). Se diventare città europea significa sistemare tutto ciò, l'impegno sarà di tutti quanti, se invece sarà solo un riconoscimento formale, allora avremo perso tutti quanti. Buon lavoro
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet