Recupero Password
Mons. Benigno Papa parla della figura di San Paolo a Molfetta
25 marzo 2009

MOLFETTA - La figura di San Paolo è stata al centro del secondo incontro “Mi sono fatto tutto a tutti… per la commemorazione dei primi cento anni del Seminario regionale Pugliese, cui è intervenuto Mons. Begnino Luigi Papa (nella foto) Arcivescovo Metropolita di Taranto e Preside della Commissione Vescovile per il Seminario, che ha tenuto una relazione sul ministero religioso paolino. San Paolo è stato definito come “un contemplativo in azione”, perché il suo apostolato è una teologia pratica, che tende al miglioramento della condotta del cristiano e lega la persona all'esercizio del ministero (la vocazione missionaria non sarà mai separata dalla vita sua personale). Mons. Papa ha svolto la sua lezione secondo tre linee fondamentali: innanzitutto, l'esperienza religiosa cristiana paolina, determinata dall'incontro con il Risorto, “un evento di rivelazione, che gli ha donato un nuovo orizzonte e da cui dipende la sua vocazione all'apostolato”. L'amore di Cristo diviene la chiave di lettura del suo ministero, ovvero “costruire un rapporto di intimità con Dio, cercando di guadagnare Cristo”. Accanto all'esperienza, si colloca la dimensione cristologica, poiché la sua missione è annunciare Cristo Risorto, senza mai cercare l'utilità personale: infatti, “l'amore di Cristo è la motivazione del suo ministero, mentre Cristo stesso è l'oggetto della sua attività missionaria e della sua attività pastorale”. Il suo è un ministero dello spirito, orientato alle figure di Cristo glorificante e Cristo modello: San Paolo è araldo del Vangelo e, in quest'ottica, non solo forma i cristiani, ma crea le comunità cristiane, in cui insegna, ammonisce ed esorta, affinché i credenti raggiungono la maturità cristiana. Infine, l'Apostolo intrattiene numerosi rapporti con le comunità da lui fondate, attraverso le epistole, con lo scopo di evangelizzare e portare la fede alla maturità. Per questo utilizza l'amorevolezza, un amore generoso, che rende il suo annuncio “puro ed oblativo”, poiché “è coinvolto in tutta la sua totalità fisica e spirituale, nell'affettività e nella sua umanità”, alla ricerca di relazioni umane positive.
Autore: Marcello la Forgia
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet