Recupero Password
Molfetta, linea dura contro le auto parcheggiate sulle aree per disabili L'assessore Mimmo Corrieri preannuncia sanzioni pesanti contro chi dovesse essere trovato sprovvisto delle debite autorizzazioni
20 agosto 2008

MOLFETTA - «Tutte le auto, parcheggiate in maniera non corretta davanti alle rampe o sulle aree riservate ai cittadini diversamente abili, sono regolarmente sottoposte all'attenzione delle forze dell'ordine affinché prendano i relativi provvedimenti. Questo vale anche per quelle di proprietà del Comune a servizio dei dipendenti. Posso assicurare che tali violazioni, quand'anche episodiche e limitate, continueranno a essere sanzionate come previsto dalla legge». È quanto dichiara l'assessore alla Polizia Municipale, Mimmo Corrieri (foto), assicurando che da parte dell'amministrazione comunale resta alta l'attenzione verso la sicurezza e i bisogni espressi da parte dei cittadini diversamente abili. «L'amministrazione comunale risponde sempre con solerzia alle sollecitazioni dei cittadini, ma lo fa operando sempre con la concretezza immediata dei fatti» continua Corrieri. «Come è possibile rilevare dagli atti d'ufficio, in seguito alle segnalazione dei cittadini ho immediatamente inoltrato una nota di richiamo a quei dipendenti che parcheggiando l'auto di servizio in modo non corretto possono provocare disagi ai cittadini. La stessa nota, inoltre, contiene un perentorio invito al Comando di Polizia Municipale affinché di fronte a casi del genere provveda a redigere senza indugio e con severità i relativi verbali di contravvenzione». «Stessa attenzione e sensibilità – conclude l'assessore Mimmo Corrieri – l'amministrazione comunale ha già riservato al fenomeno dei contrassegni speciali per disabili risultati alterati. La Polizia Municipale, infatti, dopo aver già denunciato in passato tali irregolarità, sta ora provvedendo ad accertare ulteriori elementi per fare definitivamente luce su questa incresciosa vicenda. Qualora si dovesse dimostrare il possesso da parte di cittadini di contrassegni duplicati e/o contraffatti sarà fatta denuncia di reato presso le competenti autorità giudiziarie».
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Assessore dott.Corrieri, non mi permetterei darLe indicazioni di proposte in merito all'argomento in quanto non ho esperienze e meriti per esprimerli: però una cosa me la lasci dire da cittadino. Aggiungo anche che non spetta all'Assessorato o ad una Giunta Comunale impartire lezioni di civiltà e buona educazione agli abitanti di un paese o città, perchè ben altre sono le direzioni da cui provengono certe barbarie: si può però intervenire più celermente e duramente a frenare le continue e sempre più frequenti trasgressioni alle regole del vivere civile. Questi focolai vanno colpiti sul nascere, altrimenti diventa difficile poi spegnerli. Le priorità sono tante e l'intervento da Lei enunciato in proposito, a me sembra timido e isolato. Girare a piedi per Molfetta, stà diventando sempre più pericoloso, l'attraversamento pedonale sulle strisce bianche sempre più difficile da affrontare per la quantità di automobilisti sempre più arroganti la cui pretesa di avere la precedenza nei confronti dei pedoni, scavalca ogni regola del Codice Stradale. Cosa succederà al rientro dei vacanzieri e con il ritorno al passeggio per le vie della città degli amici a quattro zampe? Non è un suggerimento, nemmeno una supplica, una semplice preghiera: dia disposizioni alla Polizia Municipale di controllare maggiormente il territorio e di punire duramente e severamente tutti i trasgressori di quelle che sono le regole di rispetto civile al vivere comune, senza preavvisi zuccherosi e buonisti. Cerchi di sfatare quello che è il pensiero deviante di molti cittadini, e cioè la protezione di parenti, amici e personaggi "altolocanti", la paura della forza pubblica davanti a delinquenti da strapazzo. Grazie.


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet