Recupero Password
Molfetta, convegno del Cna su piccole imprese in affanno e cassa integrazione in deroga
14 settembre 2009

MOLFETTA - Piccole imprese in affanno e cassa integrazione in deroga, un problema reale, sentito dalle aziende, che è stato al centro di un convegno dell'associazione d'impresa CNA di Molfetta e condotto dalla dott.ssa Mariella Bartoli, nella Sala Finocchiaro della Fabbrica San Domenico con al partecipazione del sindaco di Molfetta sen. Antonio Azzollini e dell'esperta di politiche del lavoro Gianna Mastrini. Chiarissimo il suo intervento sugli “ammortizzatori sociali” per ciò che concerne le PMI. Solitamente al di fuori del sistema sociale integrativo, le aziende con meno di 15 operai costituiscono il tessuto connettivo economico del sistema produttivo italiano, per cui si è deciso di agevolarle con un intervento governativo con scadenza 31/12/2009, sicuramente, a detta del sen. Azzollini, prorogabile a tutto il 2010, che prevede l'utilizzo della cassa integrazione in deroga per le piccole e medie imprese. Il sistema per accedere a tale agevolazione prevede la compartecipazione delle aziende alle associazioni di settore che siano esse Cna, Confoartigianato, o altre, la sindacalizzazione degli operai che per esse prestano la loro opera, ed il collegamento con le istituzioni preposte. Per cui il percorso che bisogna tracciare per usufruire di questa normativa prevede un accordo tra organizzazioni degli imprenditori, sindacato, consulenti del lavoro (pochi i presenti in sala, peccato!) che inviano la domanda all'ufficio della “Commissione Regionale del Lavoro”, quindi la riscossione da parte del lavoratore, del quantum spedito in tempo anticipato (è questo il vantaggio dell'operazione) da parte dell'Inps. La condizione fondamentale di questa operazione prevede la ristrutturazione aziendale da un lato, e la formazione obbligatoria da parte del lavoratore. Il periodo massimo affinché si possa usufruire di questa operazione è di 90 giorni. A questo intervento in virtù di un accordo sottoscritto nella conferenza Stato-Regioni, partecipa attivamente nella fase di liquidazione economica la Regione Puglia. Soddisfazione è stata espressa dagli operatori presenti in aula per questo tipo di intervento, nonostante tutto non hanno rinunciato a rimarcare il momento difficile in cui versano le aziende presenti presso la Zona Industriale di Molfetta (eccetto poche), bisognose non del “pannicello caldo”, bensì di una vera e propria inversione di tendenza. La creazione di un “sistema d'impresa”, teoria già auspicata dagli articoli di "Quindici", è stata sottolineata dalle autorità presenti in aula, ma di questo continueremo a parlarne più ampiamente in seguito.
Autore: Michele Mininno
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet