Recupero Password
Molfetta calcio, il giocattolo s'è rotto CALCIO
15 marzo 2005

A sei giornate dal termine del torneo di Promozione il destino del “Molfetta calcio” è ormai segnato: l'ambizione del salto in Eccellenza può essere rimessa nel cassetto dei sogni. I primi campanelli d'allarme sul piano del gioco suonarono nelle ultime gare del girone d'andata. Le cose sono peggiorate nel ritorno, nonostante dei ritorni di fiamma come le vittorie casalinghe contro l'Arpifoggia (4-0) e Toritto (4-0). Per il resto, la squadra ha sfoderato prestazioni di basso profilo e i risultati non potevano che essere conseguenti. Dopo aver compromesso nelle prime gare del ritorno il gran credito conquistato sul campo nell'andata, nelle ultime quattro giornate gli uomini di Terracenere dovevano riscattarsi per non perdere i contatti con l'alta classifica. Invece le cose hanno continuato a scivolare verso il basso. La vittoria contro il Toritto ha illuso che il “Molfetta calcio” avesse ritrovato la strada smarrita. Invece, i biancorossi sono tornati a mani vuote dalla trasferta di Trani (0-1), hanno raccolto un misero punto in casa contro il modesto Pro Gioia (1-1), per ritornare nuovamente sconfitti dalla trasferta di Altamura (1-2). All'andata nello stesso ciclo di gare il “Molfetta calcio” aveva messo a segno tre vittorie e un pareggio, realizzato 10 reti e subite due. Un trend negativo che ha fatto scivolare il “Molfetta calcio” in quinta posizione dietro al Barletta (63), Cerignola (52), Capurso (51) e Conversano (49). E pensare che i molfettesi al giro di boa erano a quattro punti dalla capolista Barletta (38). La squadra è irriconoscibile. Quel bel gioco che produceva prestazioni di qualità e occasioni a ripetizione, che aveva riportato la squadra molfettese all'attenzione della critica regionale, non si è più visto. Ad accentuare la decadenza, l'assenza di D'Aloia per infortunio. L'acume tattico e le intuizioni del regista molfettese davano sicurezza al centrocampo e incisività in avanti. Senza D'Aloia nessuno è in grado di prendere l'iniziativa, il gioco è approssimativo, la squadra si allunga e inevitabilmente emergono le mediocrità dei singoli. I centrali difensivi Abbatantuono e Carlucci, il centrocampista avanzato Tritta e l'attaccante Uva che sta disputando la miglior stagione della sua carriera avendo realizzato 17 reti, sono i giocatori che si sono dimostrati più continui nel rendimento. La squadra non è più in grado sul piano fisico di esprimere gli schemi del tecnico Terracenere, che richiedono padronanza di palleggio e ottima condizione atletica. Insomma, i biancorossi sono in evidente debito d'ossigeno. Un dato che rimanda alla lacuna di fondo: la rosa risicata. Il tecnico Terracenere consapevole di questo limite ha sempre fatto buon viso a cattivo gioco. Fin quando i risultati sono stati soddisfacenti, la cosa è rimasta sotto traccia, ma poi quando la cose hanno cominciato a girare per il verso sbagliato, tra tecnico e società qualcosa di è rotto. In pratica, la società ha accusato Terracenere di non aver voluto dei rinforzi. Il tecnico ha risposto che alle sue precise richieste, la società avrebbe ripiegato su giocatori che non gli interessavano. Insomma, se non c'è stata rottura, poco c'è mancato. Una cosa sembra già chiara: al termine della stagione la società biancorossa e Terracenere prenderanno strade diverse. Orta Nova e Minervino le prossime gare interne, con l'intermezzo della trasferta di Barletta. Francesco del Rosso francesco.delrosso@quindici-molfetta.it
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet