Recupero Password
Molfetta calcio – San Severo 1 – 0. I biancorossi in testa alla classifica
24 ottobre 2005

MOLFETTA - 24.10.2005 Molfetta: Loporchio 7, Cotugno 6,5, Armenise 6, Lapenna 6, Di Bari 6, Baldassarre 6, Uva 6 (92' Rizzi), Malerba 6, Aloisio 6, Tritta 6,5 (60' Paparella 6), D'Alessandro 6 (85' D'Aloia). All: Barione 6.. San Severo: Ciofi, La Torre ( 60' Annecchino), Caposierra, Ferrara, Camozza, Pompilio, Florio (75' Di Nunzio), Pazienza, Caputo, Maitilasso, Lizza. All: Torre. Arbitro: Capilungo 5 (Casarano). Reti: Tritta al 35'. Note: ammoniti Baldassarre, Lapenna, Uva, Paparella, Lizza e Pazienza, espulso Pazienza. Terza vittoria consecutiva, tre punti che valgono l'aggancio alla capolista Capurso e il Molfetta, per la prima volta da quando milita in Promozione, sale al vertice della classifica in coabitazione col Capurso e Conversano. Sono le uniche note positive dell'1-0 contro il San Severo. Una gara brutta, avara di annotazioni, continuamente spezzettata da falli, e con l'immancabile arbitraggio mediocre. Il San Severo, penultimo in classifica con soli due punti, ha schierato sei difensori, tre centrocampisti e una sola punta. Il tecnico molfettese Barione rispondeva con il solito 4-4-2 e attuando il turn-over, lasciava in panchina Di Vittorio per Malerba, D'Aloia per D'Alessandro e Patruno per Aloisio. Sin dalle prime battute si capiva che il pomeriggio non sarebbe stato piacevole. Da un lato il San Severo che si arroccava in difesa doppiando spesso le mercature, dall'altro i biancorossi che non riuscivano ad esprimersi sul piano del gioco, anche per un atteggiamento sufficiente e svogliato. A centrocampo Lapenna, D'Alessandro e Di Bari si soprapponevano e le geometrie erano approssimate, mentre in avanti Uva appariva appannato e Aloisio avulso dal gioco. Solo Tritta sulla fascia cercava d'inventare qualcosa, ma era difficile districarsi nella rete della difesa avversaria. A rendere mediocre la gara, i continui falli che spezzettavano il gioco ed innervosivano prima i giocatori e poi l'arbitro che tirava per 8 volte il cartellino giallo, scontentando tutti. Un inaspettato sole caldo, che forse ha condizionato le prestazioni delle squadre. Per scardinare il bunker avversario il Molfetta si affidava ai lanci lunghi per Uva, alla ricerca di una deviazione aerea per le incursioni di Tritta sulla sinistra o Aloisio dalla destra. Ma per Uva non era giornata. Al 30' il giochetto riusciva, ma il tocco morbido di Tritta solo davanti al portiere sorvolava la traversa. Poco dopo ci provava Aloisio dalla distanza, ma il diagonale si perdeva al lato. Al 35' il gol-partita di Tritta, quarta rete stagionale, che di testa in piena area gonfiava la rete, al termine di una prolungata azione d'angolo. Il San Severo rispondeva subito con due incursioni in area del centravanti Caputo servito da Lizza. La prima veniva respinta in angolo da Loporchio, mentre la seconda lambiva il palo. Chi si aspettava qualcosa di più nel secondo tempo è rimasto deluso. Il San Severo non spingeva più di tanto, mentre il Molfetta rimaneva sulle sue alla ricerca del contropiede giusto. Al 6' Aloisio si destreggiava bene sulla sinistra, ma il suo cross per l'accorrente Uva veniva intercettato. Al 16' tra gli applausi entrava in campo Michele Paparella, reduce da un infortunio che lo ha tenuto per otto mesi lontano dai campi, al posto di un affaticato Tritta. Al 18' una bella azione che meritava qualcosa di più: Aloisio sulla sinistra si portava sul fondo, cross a rientrare sul vertice opposto dell'area, tiro a volo di Di Bari e palla deviata da un difensore in angolo. La gara si spegneva lentamente tra falli e decisioni arbitrali discutibili. Ultima annotazione al 42', punizione dalla trequarti di D'Aloia appena subentrato a D'Alessandro, perentorio stacco di Uva che volava su di tutti, l'impatto era perfetto, ma altrettanto spettacolare la risposta del portiere quarantottenne Ciofi. Negli spogliatoi, oltre ai tre punti conquistati si sono fatti i conti con le quattro ammonizioni e i due punti di sutura apportati a Michele Paparella, a seguito di uno scontro aereo con un avversario. Davvero sfortunato il rientro dell'attaccante molfettese. “E' sempre difficile esprimersi al meglio – ha dichiarato il tecnico Barione - contro le squadre chiuse. Anche se il caldo ha inciso molto, la squadra non si è espressa come le altre volte. In un torneo possono capitare queste gare strane, in cui le cose per diversi motivi non vanno per il verso giusto. L'importante è aver portato a casa i tre punti e pensare subito alla difficile gara col Trani, un avversario che in casa non lascia nulla, ma noi in trasferta ci esprimiamo meglio”. Con questa vittoria si è chiusa la serie delle gare del Molfetta contro le ultime tre in classifica, Toritto (5-0), Arpifoggia (0-4) e San severo (1-0). Gare facili e per questo i biancorossi non avevano nulla da perdere. Aver portato in porto tre vittorie senza patemi, è comunque un dato importante. Domenica prossima storico derby tra Trani e Molfetta. Per la prima volta i biancorossi giocheranno con i galloni di capolista, mentre i tranesi in casa si sono sempre fatti valere. Gara, come tradizione, aperta ad ogni risultato. Risultati 8ª giornata Acquaviva – Toritto 1-0, Conversano – Trani 4-3, Capurso – Corato 2-3, Castellana – Canosa 2-1, Castellaneta – Laterza 3-0, N. Daunia Fg – Polignano 4-1, Pro Gioia – Arpifoggia 2-0 . Classifica: Molfetta, Capurso e Conversano 18, Corato 17, Castellana 16, Pro Gioia e Nuova Daunia Fg 15, Castellaneta 14, Acquaviva e Trani 11, Canosa 8, Polignano 6, Laterza 5, Toritto 3, San Severo 2, Arpifoggia 1. Commento del girone. La giornata è stata caratterizzata da 7 vittorie interne e una in trasferta. E' il Corato la squadra del giorno che è riuscita nel colpaccio d'espugnare il campo della capolista Capurso, reduce da sei vittorie consecutive. La vittoria per 2-1 degli uomini di mister Losito rilancia il club coratino che ora si trova a un solo punto dal vertice e permette al Molfetta, vittorioso per 1-0 sul San Severo, e Conversano, che ha battuto il quotato Trani 4-3, di agganciare la prima posizione. Non molla il Castellana sempre a ridosso delle grandi, mentre si fa strada il Pro Gioia, che dopo un inizio incerto, sembra aver trovato il ritmo giusto. Domenica prossima le capolista giocheranno tutte in trasferta, ma l'impegno più difficile spetterà al Molfetta ospite del Trani. Prossimo turno 9ª giornata: Arpifoggia-Toritto; Corato-Castellaneta; Canosa-ND Foggia; Castellana-Acquaviva; Laterza-Conversano; Polignano-Capurso; San Severo-Pro Gioia; Trani-Molfetta. Ftancesco del Rosso
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet