Recupero Password
Molfetta, bilancio positivo per la Guardia di Finanza: dalla concessionaria auto ai botti di fine anno
22 dicembre 2009

MOLFETTA - “Doppi sono i risultati dell’operato della Tenenza della Guardia di Finanza di Molfetta rispetto a quelli del precedente anno 2008” a dichiararlo è il tenente Leonardo Rossi (al centro della foto),il quale ha illustrato ai giornalisti il consuntivo dell’attività operativa svolta in quest’anno che sta giungendo al termine.

Dopo aver presentato il nuovo calendario storico e ricordato il ruolo essenziale che ha avuto il corpo della Guardia di Finanza nel tragico evento del 6 aprile 2009, il terremoto in Abruzzo, l’ufficiale ha esposto l’intensa attività svolta dai finanzieri partendo dalle 60 verifiche fiscali e degli oltre 100 ulteriori controlli fiscali riguardanti i singoli atti di gestione per un totale di circa 10 milioni di euro ai fini dell’imposizione diretta e di circa 1.400.000 euro di I.V.A. evasa tra Molfetta e Terlizzi. Più di 1.000 sono stati i controlli strumentali, ovvero quelli riguardanti gli scontrini.
Il numero degli evasori totali ammonta a 14 con relativo recupero di tassazione di circa 7 milioni di euro per imposizione diretta e di 700.000 euro per imposizione indiretta. 6 sono le persone denunciate per reati fiscali.
Il dramma del lavoro nero o irregolare è confermato dall’ingente numero di 54 lavoratori con i 4 relativi sequestri e chiusure di insediamenti produttivi non sicuri. Tra questi sono annoverati un noto professionista e un conosciuto ristorante della città di Molfetta.
L’attività preventiva con unità cinofile presso le scuole e la stazione della nostra città ha permesso l’arresto di un soggetto mentre 14 assuntori sono stati denunciati in via amministrativa al prefetto.
Come non ricordare l’operazione svoltasi alla casa di cura di Villa Giustina che ha visto come risultato la denuncia a piede libero di 5 responsabili accusati di modificare il DRG (Raggruppamenti Omogenei di Diagnosi, ndr) con lo scopo di percepire il doppio dei sovvenzionamenti da parte del Servizio Sanitario Nazionale, realizzando una truffa aggravata del valori di 800.000 euro.
La battaglia perpetuata dal Corpo contro l’assenteismo ha dato luogo alla denuncia di 17 impiegati su 23 dell’Ufficio di Collocamento che si allontanavano per cause personali come quelle di fare la spesa o accompagnare il proprio figlio alla scuola.
Anche la cronaca nazionale si è occupata della truffa aggravata perpetuata ai danni di oltre 60 privati dal titolare della concessionaria Dinauto tramite gli inviati di Striscia la Notizia Fabio e Mingo. La GdF pertanto ha tempestivamente denunciato il titolare e altri soggetti.
Tramite 13 interventi oltre 20.000 pezzi contraffatti sono stati sequestrati e 13 persone sono state denunciate per combattere i fenomeni della falsificazione dei marchi e della pirateria audiovisiva ed informatica.
Tre sono i soggetti denunciati per non avere pagato l’accisa di oltre 1000 litri di prodotti petroliferi agevolati.
Altro morbo che affligge i cittadini sono le così dette “macchinette mangiasoldi”: 10 sono state le apparecchiature elettroniche da gioco non conformi e prive del “nulla osta” di distribuzione e messa in esercizio e 7 gli esercizi chiusi per un periodo di 20 giorni.
Numerose sono state le aree sequestrate destinate a discariche abusive per un totale di 40.000 metri quadrati di superficie e 40 persone denunciate.
Attività intensa anche sul fronte dei controlli stradali sia per evitare traffici illeciti sia per prevenire le fin troppo note stragi del sabato sera con il sequestro di 4 automezzi.
Al termine della conferenza stampa, coincidente sequestro di oltre una tonnellata e mezza di fuochi destinati, probabilmente, a provocare feriti con i botti di fine anno.
 
© Riproduzione riservata
Autore: Saverio Tavella
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet