Recupero Password
Molfetta, Aritmia Mediterranea replica all'Ufficio diocesano comunicazioni sociali: nessuna offesa alla Madonna dei Martiri
09 settembre 2011

MOLFETTA - Gli organizzatori della manifestazione “Aritmia Mediterranea” replicano all’Ufficio diocesano comunicazioni sociali che ha protestato per l’uso dell’immagine della Madonna dei Martiri, patrona di Molfetta, nei manifesti (foto) che pubblicizzano l’iniziativa musicale, ritenendoli offensivi.

«Sentiamo il dovere, innanzitutto, di ringraziare il direttore per aver riconosciuto la potenzialità dell’iniziativa – scrive l’Ufficio stampa di Aritmia Mediterranea in un comunicato inviato a “Quindici” -. Abbiamo scritto diffusamente, attraverso tutti i canali di comunicazione che abbiamo sviluppato, quanto siamo legati a questa tematica, quanto ci tocchi da vicino e quanto pesi per una terra complessa, difficile, ma bellissima come la nostra Puglia.
Posto che la concomitanza con la nostra adorata festa patronale è una coincidenza di nove anni di attività evidente a tutti i molfettesi, vorremmo, con questa nota, sottolineare che nella la scelta grafica non c’è alcuna volontà di dileggio verso quello che consideriamo essere il fulcro religioso e sociale della nostra città.
La Madonna dei Martiri non è raffigurata in maniera sconveniente e reca con sé, come unica e innocua aggiunta, un trolley rosso, lo stesso che migliaia di ragazzi pugliesi hanno trascinato per il mondo, per realizzare sogni e costruire un futuro.
L’icona non è sul manifesto per farci pubblicità. Aritmia Mediterranea è una manifestazione gratuita che si autosostiene, tenuta in vita dal lavoro volontario di un gruppo di ragazzi molfettesi ostinati e caparbi che mai ne hanno ricevuto un tornaconto personale.
La Madonna dei Martiri è sul manifesto per svegliare le coscienze, per testimoniare un disagio; la sua icona è di tutti, dei suoi devoti in primis, ma anche un po’ di chi ha lasciato questa terra.
Consapevoli dell’impatto del messaggio e delle criticità che avrebbe fatto emergere, abbiamo scelto di andare avanti per la bontà delle nostre intenzioni e continueremo a spiegare ogni volta che ce ne sarà bisogno, ad ogni interlocutore, con trasporto, rispetto e convinzione. Ci dichiariamo, inoltre, aperti al dialogo, anzi, con questa nota chiediamo anche la possibilità di raccontare in prima persona alla diocesi la nascita e lo sviluppo di questo progetto, sicuri che Essa saprà ascoltarci, comprendere e confrontarsi con noi».
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""





Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet