Recupero Password
Loizzo: le primarie devono diventare un fatto naturale. E invita a votare Prodi
12 ottobre 2005

MOLFETTA – 12.10.2005 È stato soprattutto un appello ad esprimere il proprio voto alle primarie, a non sottovalutare l'appuntamento della prossima domenica, prima ancora che uno spot a favore del candidato Prodi, quello dell'assessore regionale diessino Mario Loizzo (nella foto mentre parla. Accanto a lui il consigliere comunale Ds, Corrado Minervini), durante l'incontro pubblico di ierisera, organizzato dai “Democratici di sinistra” di Molfetta. È necessaria una massiccia partecipazione perché l'appuntamento del 16 ottobre diventi una legittimazione del candidato che ne uscirà, ma soprattutto perchè non si ritorca contro l'Unione, fornendo agli avversari motivi per gridare alla debolezza del centro sinistra, in un momento politico particolare, con una legge elettorale che rischia di essere cambiata in extremis e con una Finanziaria che danneggia soprattutto il Mezzogiorno ed in generale le fasce più deboli della popolazione, già provate dalla crisi economica. L'assessore Loizzo è andato anche oltre, sostenendo che la primarie, dopo questa fase che è da considerare di assestamento o di sperimentazione della migliore formula possibile di svolgimento, debbono diventare per il centro sinistra una norma, anzi “un fatto naturale”. “In una coalizione così ampia –ha continuato l'esponente diessino – non possono essere le oligarchie partitiche a decidere e poi a calare alla base le loro scelte, questo è stato fatto in passato, ma il nostro popolo democratico non lo sopporta più, non tollera che a Bitonto, è solo un esempio, si dica che il sindaco debba essere della Margherita, perché a Ruvo è dei Verdi e quindi a Corato deve toccarne uno dello Sdi. Le primarie devono diventare una prassi consolidata di partecipazione democratica, per lasciare al popolo dell'Unione la scelta definitiva”. Loizzo ha quindi invitato a mettere in atto di qui fino a domenica un processo di informazione e coinvolgimento della cittadinanza, perché vi sia la maggiore partecipazione possibile, perché si crei entusiasmo attorno ad un evento che prepara la campagna elettorale, che si prevede dura. E a votare per Romano Prodi, l'unico fra i candidati ad assicurare per la sua storia, per la sua formazione, per la sua esperienza internazionale, la garanzia di poter dare all'Italia un leader all'altezza delle sfide che la attendono. Il consigliere comunale dei “Democratici di sinistra”, Corrado Minervini, che ha introdotto la riunione, ha ricordato che a Molfetta si voterà domenica 16 ottobre, dalle ore 8 alle ore 22, in quattro seggi, ai quali i cittadini dovranno recarsi, muniti di tessera elettorale, carta di identità e con un versamento di almeno un euro, così suddivisi: Gli elettori iscritti nelle sezioni elettorali 1, 3, 7, 8, 9, 30, 31, 32, 33 voteranno presso la Margherita in piazza Margherita di Savoia, 11. Gli elettori iscritti nelle sezioni elettorali 2, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 34, 35, 36, 37, 38, 45, 46, 47 voteranno presso i DS in via Adele Cairoli, 50. Gli elettori iscritti nelle sezioni elettorali 4, 5, 6, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 39, 41, 43, 50, 55 voteranno presso Rifondazione Comunista in Piazza Paradiso, 6. Gli elettori iscritti nelle sezioni elettorali 40, 42, 44, 48, 49, 51, 52, 53, 54, 56, 57, 58, voteranno presso il SUNIA in via Martiri di via Fani, 31. Lella Salvemini
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet