Recupero Password
Liberty Molfetta, torna il calcio al Paolo Poli Presentato il progetto che vedrà la società di Canonico giocare a Molfette, prima del cambio di denominazione in Molfetta Sportiva. Di Giovanni mister; Uva, Carlucci e Tridente ci saranno
03 luglio 2009

MOLFETTA - Molfetta avrà il suo calcio di Eccellenza. A mettere fine ad un mese di voci, ipotesi, notizie vere o presunte e qualche scetticismo e trasformarli finalmente in realtà è stato Nicola Canonico, presidente della Liberty Bari (della quale, a questo punto, bisognerà parlare al passato: il titolo sportivo passa a Molfetta), accompagnato nel corso di una conferenza stampa questa mattina dal sindaco di Molfetta, Antonio Azzollini, dall'allenatore Riccardo Di Giovanni, dal direttore sportivo Giovanni Milillo e da Michele Palmiotti, interlocutore tra sindaco e presidente. Molfetta avrà la sua squadra, e ripartirà da dove si era fermata: dall' Eccellenza. Si chiamerà Liberty Molfetta, ma le denominazione, dovuta a questioni federali, durerà un solo anno: “l'intenzione è quella di chiamare dal prossimo anno la squadra con il nome che tutti vogliono sentire, Molfetta Sportiva”. Su queste parole di Canonico, nuovo presidente del Liberty Molfetta, si leva l'applauso più fragoroso da parte dei tifosi accorsi in buon numero nella sala stampa di Palazzo Giovene (nella photo gallery le immagini della conferenza). Sarà il molfettese Riccardo Di Giovanni l'allenatore: si riparte da dove il discorso si era interrotto. L'inizio dell'avventura che ha portato Canonico a trasferire la Liberty da Bari a Molfetta è ormai resa nota da giorni, fin dalla conferenza indetta a fine giugno da Ennio Cormio e Tony Lisena, che hanno tessuto in maniera decisiva i fili dell'operazione: “fui colpito dall'accoglienza che i tifosi Molfettesi accordarono alla Liberty, quando fummo ospitati al Paolo Poli per i playoff regionali”, conferma il presidente, “mi fu chiesto da loro di portare il calcio a Molfetta, allora non potevo parlare per una questione di serietà, ma dissi che qualcosa di buono, per Molfetta, l'avrei fatto. Molfetta è una piazza importante, si può svolgere una buona programmazione calcistica”. Programmazione che si traduce, immediatamente, con il trasferimento del parco giocatore della Liberty, compresi i tre molfettesi Uva, Carlucci e Tridente che dodici mesi fa fecero il percorso opposto, da Molfetta a Bari. “E' comunque un organico che si è piazzato secondo in campionato, secondo in coppa Italia e che ha perso solo in finale di playoff”, afferma Canonico. “Sarà confermato anche l'argentino Pablo Suarez, che sarà il capitano. In più, sono in piedi diverse trattative: l'obiettivo è quello di un campionato da playoff, ma in ogni caso chiedo la massima condivisione. Si ride e si piange insieme; sono disponibile all'ingresso di imprenditori molfettesi, più siamo e meglio si è. Iniziamo subito a programmare e a divertirci: spero che l'entusiasmo non si fermi oggi”. In apertura, anche le considerazioni del sindaco Azzollini, che ha affermato di voler essere il possessore dell'abbonamento numero 1 alla stagione 2009/10 della Liberty Molfetta: “con gioia e felicità ho apprezzato il libro “Olio petrolio benzina e minerale…” di Pansini (pubblicato pochi giorni fa) sulla storia della Molfetta Sportiva. E' un libro intriso anche della storia della mia famiglia. Ma, nonostante l'attaccamento, l'amministrazione non poteva fare ciò che i tifosi chiedevano. Canonico, dopo una prima richiesta, fatta con onestà, in cui dettò un tetto economico per venire a Molfetta, con serietà accettò la mia risposta: Molfetta non poteva dare un decimo di quella quota, ma poteva impegnarsi nel fornire e rimettere a nuovo strutture adeguate”, racconta Azzollini. “Dopo un periodo di riflessione, il presidente tornò a incontrarmi e accettò l'impegno dell'amministrazione di fornire la struttura del Paolo Poli, e mantenerla adeguatamente”. Verranno dunque svolti, oltre a quelli sul prato, dei lavori di risistemazione degli spogliatoi a carico del Comune di Molfetta. “Euro niente, strutture sì”, riassume con uno slogan il primo cittadino, che pure ci tiene a fare un'altra precisazione: “per il Paolo Poli l'amministrazione ha speso 80.000 euro nel 2008, 111.000 nel 2007, 107.000 nel 2006. Non è vero che non abbiamo dato nulla per lo stadio e per la squadra”. Si riparte dunque: con lo stesso allenatore, con parecchie facce conosciute, ma con un nome nuovo, che tra dodici mesi potrebbe ritornare quello più antico. Una strana storia estiva, che, nonostante avvenga in una maniera molto simile (la migrazione di un titolo sportivo di Eccellenza) a quella che aveva cancellato il calcio a Molfetta, oggi torna a far sorridere i tifosi. Nasce la Liberty Molfetta, ma il calcio qui sembra non essere mai morto.
Autore: Vincenzo Azzollini
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""

Bravo sindaco!!!....sono daccordo sullo slogan "euro No strutture Si"! E' giusto che chi vuole fare sport si ingegni nella ricerca dei fondi per sostenere i propri campionati....ma il Paolo Poli non è l'unica struttura da sistemare! Anche gli sport indoor meritano la dovuta considerazione! Oggi come oggi Molfetta è ricca di strutture sportive (ben 3 palazzetti dello sport) ma che purtroppo vengono gestiti malissimo! Il PalaPoli è ormai feudo di Basket e Pallavolo maschile, Il Don Sturzo feudo dell'Hockey su pista, il via Giovinazzo....del tennistavolo (qui il termine sfruttato è un eufemismo visto che è operativo 3 ore al giorno per allenamenti e 24 su 24 come ostello per i cinesi)! E' arrivato il momento di spendere qualche euro per lo sport, o meglio per le strutture sportive! Fortunatamente, caro sindaco, lei ha tanti concittadini competenti ed appassionati di sport che ci mettono sacrificio e passione, che ogni anno svolgono un ruolo sociale, con l'attività giovanile, di primaria e fondamentale importanza per la nostra città! E' arrivato il momento di fare qualche sacrificio per chi nei weekend fa battere i cuori di migliaia di tifosi! Le strutture vanno adeguate!! Tutte le società di tutti gli sport devono essere messe nella condizione di fare bene il proprio lavoro!! Non devono esistere società privilegiate e società che lo sono meno! Non servono milioni di euro....ne basterebbe qualche centinaia per risolvere il problema, e per riorganizzare l'attività spalmata su 3 strutture anzichè su una (anzi se ci aggiungiamo che il PalaPoli è dotato di altri due corpi di fabbrica sfruttabili arriviamo a 5...a proposito...è giusto utilizzare spazi comunali per attività di palestra privata?). Inoltre caro sindaco, è arrivato il momento di nominare un dirigente comunale che si occupi dello sport turismo e spettacolo, ed inoltre è il caso che l'assessore allo sport...si interessi di sport...mentre mi duole dirlo, oggi si interessa di tutto all'infuori dello sport e delle sue problematiche...è una figura inutile per lo sport molfettese che a parer mio va immediatamente sostituita perchè non all'altezza). So che Lei o chi per Lei, leggerà questo mio intervento, pertanto spero nei prossimi giorni, di intravedere spiragli di luce per il riordino dell'attività sportiva molfettese. Confidiamo nel suo attaccamento a tutto lo sport e non solo al Basket, pallavolo maschile (che la vedono da tifoso sempre in tribuna)e calcio (dove è sceso in campo in prima persona). Infine, mi pare doveroso fare i migliori auguri alla nuova dirigenza della Liberty Molfetta.


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet