Recupero Password
L'arrivo della draga nel porto di Molfetta è un nuovo bluff?
19 gennaio 2010

MOLFETTA - La telenovela del nuovo porto di Molfetta si è arricchita di un'altra puntata: l’arrivo della draga, la Vlaanderen XVI, nome risonante che sembra quello di un papa. Ma non si tratta della grande draga che ha permesso alla Cmc di vincere l’appalto per i lavori del porto, essendo l’unica società a possederla, ma di una comune draghetta.

Nel comunicato inviato dall’ufficio stampa del Comune si afferma che la draga appartiene alla Società Italiana Dragaggi S.p.A. (SIDRA) specializzata nella realizzazione di lavori marittimi di grande dimensione. Il mezzo, dotato di avanzatissime tecnologie, sarà impiegato per i lavori preliminari di dragaggio nell’ambito del progetto di ampliamento del porto commerciale di Molfetta. Il suo impiego precede l’arrivo di una seconda draga di dimensioni ancora più notevoli per l’approfondimento dei fondali. La Vlaanderen XVI è lunga oltre 47 metri con una profondità di dragaggio massima di 14 metri.
E il sindaco Antonio Azzollini afferma solennemente: «Mentre da una parte c’è chi parla, dall’altra proseguono le opere della più grande opera marittima italiana oggi in corso. Adesso ci sarà bisogno di alcune autorizzazioni regionali, ma nel frattempo posso assicurare che i lavori del porto vanno avanti. Peraltro – conclude il sindaco – stiamo portando avanti contestualmente un’importante opera di bonifica dei fondali marini dagli ordigni bellici risalenti alla Seconda Guerra Mondiale: come si può ben immaginare è un intervento complesso e di vasta portata che riguarda tutto il waterfront molfettese, tuttavia le scelte fatte finora ci stanno dando ragione».
Fin qui la propaganda, guarda caso appena dopo la pubblicazione in esclusiva sull’ultimo numero della rivista “Quindici” (in edicola in questi giorni) dell’ultimatum inviato dalla Cmc al sindaco, con la richiesta di immediata ripresa dei lavori, pena la risoluzione del contratto e la richiesta di risarcimento danni. Sulla risposta a questa richiesta il sindaco è stato abbastanza evasivo, limitandosi a confermare che i lavori riprenderanno (e le bombe? ndr).
Come mai la draga arriva solo ora? E come mai non si tratta della grande draga D’Artagnan per la quale la Cmc ha vinto la gara d’appalto? Siamo andati a fotografare la draga (vedi GALLERIA FOTOGRAFICA sotto) arrivata nel porto (che avrebbe avuto qualche problema di autorizzazione con la Capitaneria, come “Quindici” ha saputo da indiscrezioni) e ci siamo resi conto che si tratta proprio di una draghetta che al massimo può dragare una piscina o un canale.
Ma l’amministrazione comunale ritiene che questa draga sarà in grado di proseguire i lavori (oppure fare finta di farlo? ndr), man mano che il porto verrà liberato dagli ordigni bellici. E allora sorge spontanea un’altra domanda: a che serve allora la maxi-draga D’Artagnan?
Ricordiamo che, per completare l’opera di sminamento, saranno necessari ancora quasi due anni. La Cmc attenderà tutto questo tempo, considerato che il calendario dei lavori è già saltato e che, nelle previsioni, il porto a quest’ora avrebbe dovuto essere già dragato?
Si ha l’impressione che l’amministrazione comunale voglia prendere tempo e che, come il premier Silvio Berlusconi, esperto in bluff, anche il nostro Azzollini stia giocando con lo stesso metodo e che la draga si rivelerà l’ennesimo bluff per la città di Molfetta.
Ci auguriamo, nell’interesse della città, di sbagliarci, ma gli interrogativi restano e, di fronte a queste ultime mosse, non si può fare la parte degli ingenui. Staremo a vedere.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""





Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet