Recupero Password
Il nuovo bilancio comunale: troppe restrizioni
27 febbraio 2002

MOLFETTA – 27.2.2002 Tutta colpa dell'Unione europea le restrizioni al bilancio comunale che dovrà essere all'insegna del rigore e del rispetto del patto di stabilità: insomma con questi vincoli, non si può fare molto. E l'amministrazione parla di restrizioni “anti-costituzionali”. “L'ultima Finanziaria del governo – ha sostenuto Giuseppe Paparella, dirigente settore Ragioneria – fissando il limite massimo entro il quale i Comuni possono aumentare rispetto al 2000 le spese di gestione corrente, non al di sopra del 6%, viola il principio di autonomia degli enti locali e va a scapito degli interessi della collettività”. Ma, per il sindaco, Tommaso Minervini (nella foto), un bilancio che punti alla riduzione del debito e alla stabilità dei prezzi, è un dovere e può diventare anche un'opportunità per i Comuni. “Dobbiamo tenere la spesa sotto controllo – chiarisce – e soltanto così faremo investimenti all'altezza delle nostre possibilità”. “Niente aumenti delle imposte, inalterate le tariffe e grande slancio al project financing”, ha annunciato Mauro Magarelli, vice sindaco e assessore al Bilancio. Per evitare l'indebitamento nelle spese di investimento, la soluzione secondo la giunta comunale, sta nell'affidare la progettazione, la realizzazione e la gestione di beni e strutture ai privati. Che, precisano, avranno tutti gli interessi a migliorare e tenere alti i servizi offerti. Sarà così per i parcheggi interrati di via F. Cavallotti, Piazza Paradiso e Piazza Moro, per la trasformazione della pista di pattinaggio nel rione di ponente, in campo di calcetto, per l'ampliamento del lungomare e per il porto turistico. Si farà ricorso, invece, ai Por (fondi comunitari strutturali, emessi dalla Regione), per l'adeguamento degli impianti di pubblica illuminazione e per l'infrastrutturazione della zona artigianale. Quanto agli investimenti, larghissimo spazio all'ambiente (44, 94% del totale previsto) e piccolissima fetta alla cultura (0, 12). Ma il sindaco precisa: “Molti interventi a favore della cultura sono stati inseriti in altre voci di bilancio”. Naturalmente nelle voci di bilancio non si tiene conto delle consulenze, degli sprechi natalizi e del costo dei nuovi assessori. Qualcuno mormora: niente tasse? Ma le hanno già messe tutte. E se la decisione è del commissario, si sarebbe potuto ritirare qualche provvedimento o ridurlo, ma gli assessori, poi come fare a pagarli?
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet