Recupero Password
Gli studenti raccontano il viaggio della memoria della Shoah a Roma
15 marzo 2014

Il progetto “Il Viaggio della Memoria” organizzato dal Comune di Molfetta, ha offerto ad alcuni alunni delle scuole della città, la possibilità di poter commemorare l’internazionale ricorrenza conosciuta come “Giornata della memoria” che si commemora ogni 27 gennaio, una data che ricorda non solo le vittime dell’Olocausto, ma celebra anche la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz a opera delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa. Il viaggio organizzato per la prima volta dal Comune, a cui noi studenti siamo essenzialmente grati, si è tenuto nei giorni 21 e 22 febbraio 2014 e ha coinvolto una trentina di studenti con i docenti accompagnatori e allo stesso tempo guidati dal sindaco Paola Natalicchio, dall’Assessore alla cultura Betta Mongelli, dal presidente del consiglio comunale Nicola Piergiovanni, dall’assessore ai Lavori pubblici Giovanni Abbattista e dal consigliere comunale Onofrio Pappagallo. Il percorso formativo ha previsto varie visite, come quella al Museo Ebraico (un museo che al suo interno conserva la sala dei tessuti, la sala dell’ebraismo libico, la galleria dei marmi antichi) ed un importante fonte di conoscenza della storia degli Ebrei romani, in quanto attraverso magnifici oggetti e preziosi documenti consente di scoprire la religione e le tradizioni della comunità più antica del mondo. In seguito la visita con la guida di Anna Terracina e Lorella Ascoli è proseguita nel Ghetto in Via del Portico d’Ottavia, quello di Roma è uno dei più antichi ghetti del mondo dove gli ebrei furono costretti a risiedere. Successivamente interessante è stato l’incontro con la studiosa Anna Foa, che attraverso il racconto del vissuto della sua nonna nel lager, ha invitato ad utilizzare bene la giornata della memoria come fonte di commemorazione affinché non ci si stanchi mai di ricordare le vittime di questo tragico periodo storico. Molto commovente e intenso è stato soprattutto l’incontro con uno dei sopravvissuti al campo di concentramento di Aushwitz ovvero il gentilissimo Piero Terracina, a cui Molfetta ha dato la cittadinanza onoraria. E’ stato davvero prezioso ascoltare le sue parole, le sue emozioni e i suoi stati d’animo mentre raccontava il suo tragico vissuto. In serata il gruppo ha proseguito ammirando il centro di Roma, recandosi presso la Fontana di Trevi, Piazza di Spagna e Piazza del Popolo. Il giorno successivo, ovvero il 22 febbraio il gruppo è stato accolto dal sindaco di Roma Ignazio Marino nella Sala delle Bandiere del Palazzo Capidoglio. Emozionante è stata anche la visita al luogo dell’Eccidio delle Fosse Ardeatine, ovvero antiche cave scelte come luogo di occultamento dei cadaveri di 335 civili e militari italiani, fucilati a Roma dai tedeschi per un attacco partigiano. Oggi queste fosse rappresentano un sacrario-monumento nazionale, dove è sepolto un molfettese, Manfredi Azzarita, sulla cui tomba il sindaco ha deposto a nome della comunità molfettese un mazzo di fiori. Questo viaggio per noi ragazzi è stato un modo per poter riflettere sui tragici avvenimenti del secondo conflitto mondiale, affinché non si attuino più gli errori del passato e in particolare affinché si continui a raccontare il vissuto di queste importanti testimonianze proprio come dovere morale per non dimenticare l’accaduto e tutte quelle persone che hanno perso la vita in quel terribile periodo. Noi ragazzi faremo tesoro di questo viaggio emozionante e siamo molto grati all’amministrazione comunale per aver organizzato questo “pellegrinaggio”. Ci riteniamo fortunati essere rientrati a far parte di quelle 30 persone in questo progetto istruttivo organizzato per la prima volta dal Comune molfettese. Quindi noi studenti non possiamo fare altro che ringraziare di cuore il Comune di Molfetta per questa splendida iniziativa, augurandoci che si possa ripetere anche negli anni successivi affinché molti alunni possano vivere le nostre stesse emozioni.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet