Recupero Password
Gli stand degli Eredi della Storia di Molfetta tra i più visitati alla Mostra sulle forze armate che si conclude oggi a Bari
06 novembre 2022

MOLFETTA – Ha ottenuto un lusinghiero successo a Bari la Mostra realizzata dal 4 novembre e che si concluderà oggi di Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza in Largo Giannella, sul lungomare, con un’area espositiva interforze. Agli eventi in programma hanno partecipato anche le associazioni molfettesi Eredi della Storia – ANIMIG, con tre distinti stand rievocativi.

«Ricordiamo la Grande Guerra con la realizzazione di una trincea – spiega il presidente dell’associazione Eredi della Storia, Sergio Ragno – con un soldato intento a difendere la Patria. Il secondo stand rappresenta un ospedale da campo con una crocerossina che medica un soldato ferito steso su una barella, mentre nel terzo stand ci sarà un soldato che scrive una lettera dal fronte alla sua mamma. Ci tengo a dire che la divisa della crocerossina è stata realizzata dai ragazzi e dalle ragazze del Vespucci di Molfetta, istituto con cui collaboriamo per tenere viva la nostra storia. A Bari abbiamo in mostra i cimeli di guerra che sono conservati con grande cura nella nostra sede, nell’intento di divulgare i valori di appartenenza alla bandiera italiana. Siamo onorati di aver ricevuto dal Tenente Colonnello Mauro Lastella del comando militare esercito Puglia l’invito a partecipare a questa importante rievocazione storica. Lo spazio espositivo degli Eredi della storia è stato il più visitato in questi giorni e questo ci rende orgogliosi del nostro impegno».

Quest’anno le celebrazioni del 4 novembre hanno avuto la partecipazione del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che onorato l’anniversario del “Giorno dell’Unità nazionale e Giornata delle forze armate”.

All’arrivo del Presidente della Repubblica le navi Duilio, Carabiniere e Bergamini della Marina Militare hanno esploso 21 colpi di cannone a salve. Imponente lo schieramento dei reparti di tutte le forze armate che sfileranno alla presenza delle massime autorità civili e militari: Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di finanza.

Al Sacrario militare dei Caduti Oltremare di Bari ha deposto una corona di alloro. Insieme al Capo dello Stato sono presenti anche il ministro della Difesa, Guido Crosetto, e il Capo di Stato maggiore della Difesa, l’ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone. Insieme a loro anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano; il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro.

Numerose le persone ad attendere Mattarella, assiepate davanti alle transenne e ai due maxi-schermi posizionati per l’occasione. C’erano anche alcuni studenti delle scuole elementari, con bandierine e cappellini tricolori.

Il Capo dello Stato ha visitato anche la tomba dell’unica donna presente, quella di Mari Boni Brighenti, crocerossina morta a Tripoli nel 1915 e sepolta a Bari assieme al marito. Un «fuori programma» di pochi minuti per il presidente della Repubblica che, dopo la preghiera dei caduti, ha firmato l’Albo d’onore prima di lasciare il Sacrario militare accompagnato dalle note dell’inno nazionale suonato dalla Brigata Pinerolo e dagli applausi.

Subito dopo il presidente ha raggiunto il palco allestito sul lungomare Nazario Sauro da dove ha assistito alla parata militare durante la quale sono sfilati reparti di Esercito italiano, Marina militare, Aeronautica militare, Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza.

“Credo che sia necessario, come ho ricordato alcuni mesi addietro al Governo, di assumere in legge la definizione completa e ufficiale del 4 novembre come Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Lo dobbiamo alla nostra storia, lo dobbiamo a un patrimonio prezioso fatto di donne e uomini del nostro Paese. Lo dobbiamo a noi stessi” ha detto il presidente della Repubblica durante la cerimonia.

E sulla guerra in Ucraina ha detto: “Quanto sta accadendo nella nostra Europa parla alla responsabilità degli uomini delle istituzioni. Ci dice che la pace si costruisce ogni giorno”.

0:00/

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet