Recupero Password
Giunta Azzollini in bilico: il Consiglio di Stato rigetta l'istanza cautelare
10 aprile 2009

MOLFETTA - Nuova sconfitta per il sindaco Antonio Azzollini. Il Consiglio di Stato ha ordinato il rigetto dell'istanza cautelare presentata dall'avvocato del comune D'Ambrosio. In questo modo tornano ad essere vigenti gli effetti della sentenza di primo grado. Il sindaco non sarà affiancato da nessuno dei componenti della sua vecchia giunta al maschile e sarà costretto a nominare almeno una donna assessore. Tuttavia le avvocatesse della commissione pari opportunità Francesca la Forgia e Valeria Pellegrino, preferiscono attendere le motivazioni della sentenza prima di esprimere commenti. Ancora una volta la composizione della giunta è minacciata e Azzollini è messo di fronte al suo mancato rispetto dell'art.37 dello statuto comunale e della parità nella partecipazione politica di uomini e donne.
Autore: Giacomo Pisani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Ecco un altro maschiaccio sciovinista, con il solito "tic" della magistratura politicizzata: il sig. G. Camporeale. sig. Camporeale e co., ma davvero credete che la Magistratura abbia come unico e dichiarato scopo quello di fare ostruzione alla politica? (almeno ad una certa politica?). Non sarà invece che i Giudici, pur nella situazione scassata della Giustizia che affligge l'Italia, perseguano uno degli obiettivi per cui sono pagati, e cioé amministrare la giustizia. Perché una certa frangia di Cittadini confonde la causa con l'effetto? (mi spiego: se c'é un dolo o una violazione delle regole, secondo voi è giusto o no che le regole vengano ristabilite?). Perché, ritenendosi ingiustamente inquisiti, non ci si sottopone al giudizio ed invece si ricorra, ad esempio, al Ministro Alfano - UN MINISTRO DELLA REPUBBLICA E NON UN MINISTRO DEL CENTRO DESTRA! - COME STA FACENDO IL MINISTRO (DELLA REPUBBLICA) FITTO?. Un tale di nome Andreotti l'ha fatto, per accuse ben più gravi: è stato assolto, dalla Magistratura "politicizzata", come alcuni la definiscono. Adesso, a prescindere dal fatto che siano vere o meno le accuse, costui cammina a testa alta, cosa che non ha potuto fare, a suo tempo, il sig. Craxi (che,... poverino ..., è morto in esilio) e che per come la si giri, resta sempre un "mariuolo" (espressione di suo conio, per un altro mariuolo, suo sodale, recentemente di nuovo pescato con le mani nella marmellata) che è sfuggito al giudizio - bada non alla punizione eventuale, ma al giudizio. Un'ultima notazione, caro G. Camporeale: pensi di essere solo tu o quelli che la pensano come te, come rappresentante dei maschietti, a sentirti superiore (intellettualmente e dal punto di vista delle capacità di gestire) ad una femminuccia, oppure è un pensiero diffuso in una certa parte della Società. Ti rammento che, per combinazione, vi sia una certa sig.ra Marcegaglia a capo della Confindustria e, pur essendo dotata solo di "gonadi femminili" (se mi si lascia correre l'espressione forse non corretta) e non di "quelle maschili", regge il suo compito con la dovuta..."mascolinità". Poveri noi, come siamo arretrati!!!!!!!!




Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet