Recupero Password
Fondi strutturali, gli industriali pugliesi incontrano gli assessori regionali Frisullo e Saponaro
13 novembre 2005

BARI – 13.11.2005 La Giunta di Confindustria Puglia ha incontrato gli assessori Sandro Frisullo, allo Sviluppo Economico e alle Attività Produttive e vice Presidente della Giunta regionale, Francesco Saponaro, al Bilancio e alla Programmazione e Dario Stefano, presidente della commissione consiliare Attività produttive, per illustrare le richieste dell'imprenditoria pugliese attraverso i documenti sulla riprogrammazione dei fondi strutturali 2007-2013 e sulla politica industriale che verranno presentati nella stessa fase di riprogrammazione. L'obiettivo prioritario di questo incontro è stato quello di stabilire con l'Amministrazione regionale un dialogo costruttivo per intraprendere il cammino della collaborazione e del più ampio confronto sulle strategie da mettere in campo per il riposizionamento competitivo dell'intero sistema produttivo regionale. Il presidente Gianni Mongelli, sostenuto dai presidenti delle Assindustrie provinciali (Nicola De Bartolomeo per Bari, Massimo Ferrarese per Brindisi, Nicola Biscotti per Foggia, Salvatore De Riccardis per Lecce, Luigi Sportelli per Taranto) e da tutti i componenti della Giunta, ha sottolineato l'importanza e la centralità che il ruolo istituzionale della Regione deve rivestire per favorire la crescita dell'economia locale. «Il punto nodale è quello di ripensare l'impostazione della politica industriale in chiave integrata – ha sostenuto Mongelli – per conseguire obiettivi più mirati, selettivi e strategici. Le nostre priorità muovono secondo alcune direttrici fondamentali che vedono in primo piano la necessità di attuare una accelerazione degli investimenti in ricerca, innovazione e società dell'informazione dando operatività all'Arti (Agenzia regionale per le tecnologie e l'innovazione) e stimolando lo sviluppo e la diffusione dei processi di innovazione all'interno del sistema produttivo. È necessario rendere strutturali gli interventi a sostegno dell'internazionalizzazione delle imprese e dei sistemi territoriali dando consistenza allo sportello unico per l'internazionalizzazione già costituito e promuovere un nuovo modello di sostegno alla localizzazione e allo sviluppo della attività industriali attraverso il suisizionamelo dei Consorzi Asi. E non di minor importanza devono essere gli interventi volti alla qualificazione dell'offerta infrastrutturale (trasporti, energia, ambiente) e dello stesso assetto del territorio dando attuazione al Drag». Gli assessori Frisullo, Saponaro e Stefano hanno apprezzato il contributo degli industriali pugliesi e hanno sottolineato la loro volontà di un confronto produttivo sui temi dagli stessi evidenziati, volto a stabilire un rapporto costante di interlocuzione, e il loro impegno di intraprendere politiche di sviluppo mirate a sostenere gli sforzi di rinnovamento del sistema Puglia. «Intendo rappresentare a pieno le istanze del mondo imprenditoriale - ha dichiarato Dario Stefano. Condivido i percorsi intrapresi. Bisogna partire da poche e chiare linee strategiche, puntando su innovazione, internazionalizzazione e crescita dimensionale, individuando insieme gli strumenti e non perseguendo più politiche di distretti troppo localizzate». «E' costruttivo in questa fase di difficoltà strutturale dell'economia pugliese – ha dichiarato Frisullo – fare una comune analisi per fissare obiettivi strategici. È fondamentale procedere ad una equilibrato esame dei meccanismi di incentivazione alle imprese che da un lato tengano conto delle realtà già presenti sul mercato, rafforzandole, e dall'altro che attivi un regime di aiuto per quelle in difficoltà, senza sconfinare nell'assistenzialismo. Questo in vista del prossimo ciclo di Fondi strutturali 2007-2013 che richiede la predisposizione entro il 2006 del Documento strategico regionale. L'impegno è quello di dare attuazione alla Consulta regionale per le attività economiche nell'ambito del rafforzamento della politica concertazione con le parti sociali». «Partiamo tutti da una diagnosi condivisa sullo stato di salute dell'economia pugliese - ha dichiarato Saponaro – che presenta numerose criticità strutturali. È necessario innovare per velocizzare e qualificare il Sistema Puglia a partire da uno snellimento dei bandi dello stesso Por. Nei vostri documenti ci sono numerosi spunti per fare passi in avanti. Ritengo fondamentali tre filoni: le infrastrutture materiali e immateriali per una migliore qualità della vita e competitività del territorio; il superamento dei Consorzi Asi e l'internazionalizzazione per una migliore e più efficace promozione della Puglia nel mondo». In conclusione della riunione si è convenuta l'opportunità di rendere strutturali i momenti di incontro tra il sistema delle imprese pugliesi e la Regione Puglia anche attraverso incontri specifici sulle tematiche in esame.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet