Recupero Password
Finanza sequestra 320 chili di tabacchi lavorati nel porto di Bari
07 giugno 2004

BARI – 7.6.2004 Grossa operazione della Guardia di Finanza che è riuscita a intercettare nel porto di Bari 320 chili di tabacchi lavorati, subito sequestrati (nelle foto). L'operazione è avvenuta durante i consueti controlli a mezzi e passeggeri provenienti dalla Grecia con la m/n Superfast, i militari del comando 1ª compagnia della Guardia di Finanza di Bari, in collaborazione con personale del servizio di vigilanza doganale della locale circoscrizione doganale, in seguito a un'accurata ispezione di un furgone con targa italiana proveniente dal paese ellenico. Con l'ausilio del “silhouette scann” in dotazione alla circoscrizione doganale di Bari, sono stati così scoperti circa 320 chilogrammi di tabacchi lavorati esteri abilmente occultati in doppifondi ricavati nelle paratie laterali e in corrispondenza del tetto del vano carico del mezzo di trasporto, al quali si accedeva facendo scorrere un vano coibentato appositamente preparato. L'autista del furgone è stato arrestato e richiuso nel carcere di Bari a disposizione dell'autorità giudiziaria. L'episodio conferma come il porto di Bari sia una crocevia di traffici illeciti di ogni genere e continua ad evidenziare il determinante impegno, nell'attività di contrasto e prevenzione, delle Fiamme Gialle e dei funzionari del servizio antifrode della circoscrizione doganale di Bari.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet