Recupero Password
Finalmente il VIA per il nuovo porto. Ora tocca alla Regione
15 settembre 2005

Un altro passo è stato fatto per la definitiva approvazione del Piano regolatore del Porto di Molfetta, premessa indispensabile per consentire la realizzazione delle opere di completamento, banchinamento, dragaggio e di raccordo stradale della diga foranea, per cui le leggi 174 e 350, approvate rispettivamente il 30 luglio 2002 e il 24 dicembre 2003, hanno stanziato, anche grazie all'interessamento diretto del sen. Azzollini, un ingente finanziamento in favore della nostra città che ammonta a circa 74 milioni di euro. Dal momento dell'approvazione di dette leggi è partita la “corsa” per far sì che quei cospicui stanziamenti non restassero solo sulla carta ed il Comune di Molfetta ha iniziato il lungo e tortuoso iter amministrativo che la Regione Puglia, nel dicembre del 2002, gli ha delegato affidando allo stesso Comune il compito di svolgere le funzioni ed i compiti relativi alla progettazione ed all'esecuzione dei lavori per la realizzazione del nuovo Porto di Molfetta. E così dopo aver avviato, circa un anno fa, la procedura per la valutazione di impatto ambientale con domanda presentata al ministero competente e dopo le numerose richieste da parte di quest'ultimo di integrazione della documentazione trasmessa, la Commissione per la Valutazione dell'Impatto Ambientale del Ministero dell'Ambiente ha espresso parere favorevole sul progetto presentato dal Comune di Molfetta, rilasciando il decreto di V.I.A. pur con delle prescrizioni ed osservazioni riguardo alla compatibilità ambientale delle opere da realizzare che lo stesso Comune si è impegnato (con una delibera di giunta dello scorso 28 luglio) a recepire nella redazione del progetto definitivo. Ora, ottenuta anche l'autorizzazione da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (organo consultivo di natura tecnica cui spetta esprimere un parere obbligatorio sui progetti di lavori pubblici finanziati dallo Stato), per il definitivo via libera a questo Piano regolatore che la città attende da oltre 15 anni, manca solo l'approvazione definitiva da parte della Giunta regionale che potrebbe arrivare in tempi brevi, sempre che quest'ultima (come si vocifera) non sia intenzionata ad approfondire ulteriormente la questione. Da quel momento potrà essere avviata la fase di progettazione esecutiva ed espletata la procedura di gara ad evidenza pubblica per l'affidamento dei lavori (ricordiamo, a questo proposito, che sulla Gazzetta Ufficiale e sul bollettino europeo è già stato pubblicato un pre-avviso di gara in modo da consentire alle aziende interessate di iniziare a preparare la necessaria documentazione). Le opere previste dal Piano regolatore sono molte e di notevole impatto sulla città, e vanno dall'allacciamento alla S.S. 16 fino al banchinamento del molo commerciale e dello specchio d'acqua nei pressi della basilica della Madonna dei Martiri, con conseguente prolungamento, fino alla radice a terra, della diga foranea. Tra gli altri interventi previsti anche lo spostamento a mare dei cantieri, il dragaggio dei fondali, la predisposizione di una nuova viabilità che colleghi direttamente l'intero sistema portuale con le nuove aree produttive a ponente della città, e la realizzazione di un edificio che ospiterà gli uffici al servizio del porto e del trasporto mercantile. Giulio Calvani giulio.calvani@quindici-molfetta.it
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet