Recupero Password
Ecstasy e abusivismo, collaborazione tra gestori locali da ballo e forze dell'ordine
27 maggio 2003

BARI – 27.5.2003 “C'è piena collaborazione tra i gestori delle discoteche e le forze dell'ordine per prevenire i fenomeni di spaccio di sostanze stupefacenti all'interno dei locali. Siamo impegnati da tempo a segnalare presenze indesiderate e a dare il nostro contributo all'individuazione degli eventuali pericoli che possono sorgere durante la serata”. Nicola Pertuso, il presidente del Silb Assodancing – il sindacato dei locali da ballo, interviene in merito all'episodio avvenuto la notte tra sabato e domenica nella discoteca “Summer System” di Rosa Marina in provincia di Brindisi dove un giovane è stato arrestato dalla polizia perché sorpreso a spacciare una pasticca di ecstasy. “Sono cose che possono accadere”, dice Pertuso, “quando una discoteca è meta di tantissimi giovani, alcuni dei quali insospettabili, che sfuggono ai controlli ora più che mai severissimi. L'arresto dello spacciatore è la dimostrazione però della grande collaborazione tra i gestori dei locali e le forze di polizia che, proprio grazie all'aiuto dei responsabili della struttura, sono riusciti ad individuare il ragazzo e bloccarlo”. “Siamo favorevoli a misure drastiche”, conclude Pertuso, “anche alla chiusura dell'attività qualora fossimo certi che il gestore del locale sia a conoscenza dell'attività di spaccio all'interno della discoteca; in caso contrario non possiamo addossare a lui nessuna responsabilità”. Nicola Pertuso ricorda che, in tema di sicurezza, esiste un protocollo d'intesa del 28 febbraio del 2001 firmato dall'allora ministro degli Interni Enzo Bianco e dall'ex presidente del Silb Assodancing Giancarlo Barisio, con il quale gli associati della Confcommercio Silb di Puglia hanno dato vita ad un programma che prevede la realizzazione di 3 punti fondamentali: 1) all'interno delle discoteche e dei locali da ballo vengono installati sistemi di telecamere a circuito chiuso; 2) le discoteche sono dotate di sistemi di metal detector e di tele allarme; 3) saranno attivati corsi di formazione per gli addetti alla sicurezza. Riguardo invece la chiusura di un locale a Gallipoli, in provincia di Lecce, il Silb Assodancing chiarisce che non si trattava assolutamente di una discoteca, ma di un pub sprovvisto delle autorizzazioni amministrative per svolgere serate danzanti. “La lotta all'abusivismo”, afferma Pertuso, “è uno dei punti fermi del nostro programma, secondo noi il principale responsabile dell'immagine negativa che spesso viene offerta delle discoteche”.
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet