Recupero Password
Ecco l'estate molfettese  
15 giugno 2007

Al via con il concerto di Paolo Conte il 23 giugno presso il Teatro di Ponente l'Estate molfettese. È prevista la devoluzione dell'incasso della manifestazione, frutto della sinergia tra il Comune e la Fondazione Vincenzo Valente, alla Lega Italiana per la Lotta ai Tumori. Il fi ne benefi co rappresenterà una costante del programma elaborato e presentato nel Chiostro di San Domenico. Indubbiamente la stagione estiva, allo stato attuale, dovrebbe prevedere l'arrivo nella nostra città di nomi d'indiscutibile richiamo. Dal cantautore della scuola genovese in apertura a Claudio Baglioni, la cui presenza è prevista per il 14 settembre nella location dell'Anfi teatro. Il sindaco Antonio Azzollini non ha nascosto il suo desiderio che la manifestazione possa svolgersi nel pregevole scenario rappresentato dal Fronte del Porto, qualora l'artista, più incline a esibirsi in “spazi ristretti ad un certo numero di spettatori”, mostrasse di gradire questa soluzione. Azzollini ha mantenuto un certo riserbo sugli altri due spettacoli, ancora in trattativa: il concerto di uno dei più grandi talenti pianistici mondiali (il geniale Giovanni Allevi) e un pregevole “Omaggio a Gabriella Ferri”, monologo musicale della bravissima Tosca per la regia di Massimo Venturiello. E poi ancora una effi cace commistione di musica e danza per i giovani di Nomadelfi a, la comunità fondata da don Zeno Saltini (1900-1981) e fi nalizzata a costruire una “nuova civiltà fondata sul Vangelo”, e il cabaret di Uccio De Santis, in arte Mudù. Nel tentativo di rivendicare il valore dell'opera dei comici (e quindi di Mudù), spesso bistrattati in vita, Azzollini rievoca le critiche patite dal grande Totò (l'accostamento, peraltro da contestualizzarsi debitamente, ci pare, a dire il vero, un po' troppo ardito). Torna quella che è da considerarsi una vera e propria istituzione della nostra città, con risonanza a livello nazionale, “Ti fi abo e ti racconto”, il festival di Teatro Ragazzi allestito dal Teatrermitage. All'organizzazione di ulteriori manifestazioni concorreranno le associazioni di commercianti e sono previste, ad opera delle associazioni culturali locali, una serie di iniziative nel centro storico. Sarà l'occasione giusta per un maggiore coinvolgimento e per quella valorizzazione di energie locali, che a lungo abbiamo auspicato. Quanto al ventilato arrivo di altri big della canzone a Molfetta, Azzollini ha evidenziato come molte trattative siano state intavolate e come, conti pubblici ed esigenze degli interpreti permettendo, non sia comunque da escludere che la rosa degli appuntamenti possa rimpolparsi in extremis. Un programma che ci pare dunque piuttosto convincente, sebbene un po' sguarnito sul versante della prosa. Qualche dato tecnico: il sindaco ha dichiarato che l'impatto sul bilancio sarà molto contenuto e proporzionato alle esigenze dettate dall'azione di risanamento. Per la serata di Paolo Conte il costo dei biglietti è di 40 euro + 5 in prevendita per il primo settore e di 31 + 5 per il secondo; i biglietti sono disponibili presso il Bar al Duomo, il Box Offi ce della Feltrinelli di Bari e, on line, sul sito www.bookingshow. it. Niente biglietti gratis, considerato Ecco l'estate molfettese anche il fi ne benefi co, per amministratori del Comune, assessori e consiglieri comunali. Quello che dispiace è che il sindaco dichiari che il problema sia stato sollevato 'impropriamente', in passato. Dispiace perché proprio Quindici ha più volte sollecitato maggior trasparenza nel sistema delle gratuità... Una curiosità, visibile per i visitatori del sito sopra citato: l'organizzazione ha riservato 324 posti in ottima posizione, di cui non è nota la destinazione; vogliamo augurarci possano valere in massima parte a realizzare l'auspicata ipotesi di consentire a più o meno giovani disabili molfettesi di fruire gratuitamente della manifestazione... Il sindaco chiarisce, con molto garbo, anche il problema dello sbigliettamento relativo alle manifestazioni musicali, evidenziando che gli Enti Locali non sono “più nelle condizioni di affrontare certe ingentissime spese”, quelle che consentirebbero la fruizione gratuita alla cittadinanza di tali iniziative. Ci si permetta però di dissentire con chi defi nisce “buontemponi” coloro che su siti Internet hanno segnalato negli anni scorsi la presenza di concerti a ingresso libero in città vicine ed evidenzia che usualmente questo tipo di manifestazioni è prerogativa di cantanti di medio calibro. Dissentire perché artisti come Fabio Concato non ci paiono proprio “di medio calibro”. Non per il “buontemponi”, che, tutto sommato, consideriamo un complimento. Del resto, scriveva un geniale “buontempone”, “l'uomo non può essere considerato seriamente che quando ride”. Perciò riteniamo sia proprio dell'intelligenza tener conto anche delle opinioni dei buontemponi, ché talvolta non sono senza sale e non di rado sono di stimolo al miglioramento…
Autore: Gianni Antonio Palumbo
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet