Recupero Password
Ecco come cambia la Ausl Ba/2
06 aprile 2006

MOLFETTA – 6.4.2006 La conferenza stampa convocata questa mattina dalla Direzione Generale della Ausl Ba/2, presso la nuova sede ubicata nell'Istituto Vittorio Emanuele di Giovinazzo (nella foto), è stata l'occasione per fare il punto della situazione del lavoro che, da un anno a questa parte, la Regione Puglia ed i vertici della nostra Azienda Sanitaria stanno portando avanti per modificare radicalmente il modello di produzione dei servizi per la salute, passando da una concezione “ospedalocentrica” ad un approccio che ponga al centro la persona e che avvicini i servizi sanitari al territorio. All'incontro di questa mattina sono intervenuti, oltre al Direttore Generale della Ausl Ba/2, dott. Rocco Canosa, anche il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, l'assessore regionale alla Sanità, Alberto Tedesco, e moltissimi rappresentanti istituzionali dei Comuni che fanno riferimento alla medesima Azienda Sanitaria. Per il Comune di Molfetta ha partecipato il dott. Alfonso Magnatta, commissario prefettizio che reggerà le sorti dell'amministrazione fino alle prossime elezioni del 28 maggio. Tutti gli intervenuti hanno evidenziato come la situazione ereditata dalla precedente amministrazione regionale in materia di Sanità sia stata assolutamente disastrosa, sia sotto il profilo della condizione strutturale che sotto quello della dotazione di risorse umane. “Gli ospedali sono inadeguati, – ha detto il dott. Canosa – la dotazione di posti letto è inferiore al fabbisogno (meno di 2 posti-letto per 1000 abitanti), sono assenti alcune discipline di base e molte discipline intermedie, le strutture territoriali sono approssimative ed alcune assolutamente indecorose”. Insomma, un quadro fosco, quello tratteggiato dal Direttore Generale che però ha evidenziato come questa condizione abbia costituito “l'occasione per costruire praticamente da zero un modello di assistenza sanitaria più attento ai bisogni della persona, incentrato sul territorio dove, se è ancora possibile, si può evitare il ricatto dei nuovi fondamentalismi della velocità e dell'onnipotenza delle tecnologie. Se rivoluzione gentile deve essere – ha detto il dott. Canosa riprendendo l'espressione più volte evocata dallo stesso Presidente, Nichi Vendola – il metodo, ancor prima degli atti, deve essere modificato rispetto al più recente passato”. Molta attenzione la Direzione Generale della Ausl sta dedicando agli ammodernamenti strutturali. Per quanto riguarda Molfetta, questa mattina si è appreso che è in via di perfezionamento un contratto con la Provincia di Bari per allocare all'interno dell'Istituto Apicella un Centro di Audiologia aperto ai bisogni delle famiglie degli audiolesi, oltre che per sistemare decorosamente le strutture territoriali dell'ufficio d'igiene, delle attività distrettuali e consultoriali, delle attività riabilitative e del Sert. Nell'ospedale, inoltre, si è attivata una Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi per l'intera Usl, ed è in itinere la organizzazione di un Centro Donna di senologia per la prevenzione, la diagnosi e la cura del carcinoma della mammella. Il Direttore Generale della Ausl Ba/2 ha anche detto che si sta intervenendo anche alla riprogettazione dell'Ospedale, con la ristrutturazione del quinto piano, con i lavori di messa a norma e la progettazione di un nuovo quartiere operatorio. E' in corso, infine, la costruzione di una piastra di uffici nel parcheggio dell'ospedale. Per quanto riguarda l'altro “nervo scoperto” e cioè la dotazione di personale, la Direzione Generale della Ausl ha comunicato che la nuova politica del personale sarà improntata ad un maggiore ricorso alle assunzioni a tempo indeterminato e a una graduale, ma decisa, riduzione delle forme di assunzione a tempo determinato e delle esternalizzazioni dei servizi. La nuova dotazione organica (attualmente in fase di ultimazione) prevederà una importante revisione dell'organizzazione ospedaliera e territoriale, con il consequenziale incremento del 50% circa del personale che opera attualmente. Nel frattempo è stato possibile procedere all'assunzione a tempo indeterminato, senza limitazioni, di numerose unità tra il personale infermieristico, quello tecnico di radiologia, autista di ambulanza e del personale medico in diverse discipline. Infine la Direzione Generale ha comunicato che, a partire dal 1 gennaio 2006, in attuazione del Piano di investimenti 2006, sono stati attivati una serie di procedimenti volti ad effettuare numerosi adeguamenti strutturali in tutto il territorio della Ausl per un importo complessivo di oltre 33 milioni di euro, di cui circa 6 milioni destinati a Molfetta. Insomma la Ausl Ba/2 ha avviato, tra mille difficoltà, la sua “rivoluzione gentile”. Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet