Recupero Password
Domani sera a Molfetta prima edizione di “Molfetta Opera Festival” col baritono molfettese Roberto de Candia e il soprano toscano Eva Mei Appuntamento alle 20.30 al Museo Diocesano. L'altro concerto si terrà il 12 settembre, mentre il 13 settembre ci sarà una master class, col sostegno dell'amministrazione comunale, nell'ambito dell'Estate molfettese
05 settembre 2015

MOLFETTA – Esordio domani  della Prima edizione di Molfetta Opera Festival, a cura dell'associazione A. Dvorak guidata da Lazzaro Ciccolella, che sotto la direzione artistica del M° Roberto de Candia, nostro illustre concittadino, propone tre concerti presso il Museo Diocesano con alcune tra le più belle voci italiane del belcanto, nei giorni 6, 12 e 13 settembre ed una master class.

Col sostegno dall'amministrazione della città di Molfetta, che interpretando un sentimento diffuso, accogliendo le istanze di chi vuole offrire alla città un momento di alta espressione artistica, ha deciso di finanziare la programmazione dei concerti inserendoli nel più ampio cartellone dell'Estate Molfettese.
Nell'ambito di questa prima edizione del festival ci sarà la masterclass del M° Roberto de Candia che si terrà nei giorni compresi tra il 7 e l'11 settembre 2015 a Molfetta.

Il progetto è di diventare, a poco a poco, uno dei punti di riferimento nel nostro territorio differenziandosi, per qualità dell’offerta, rispetto ad altre realtà. 

Il primo concerto, domani sera al Museo Diocesano (ore 20.30) vede protagonista, accanto a Roberto de Candia, uno dei più prestigiosi soprani internazionali: Eva Mei.

Nel secondo concerto si esibiranno tre cantanti pugliesi e giovani che rappresentano la nostra terra di Puglia in giro per il mondo da anni ormai e che, invece, sono meno conosciuti sul nostro territorio di quanto dovrebbero: Angela Nisi (reduce dal successo al festival di Martina Franca 2015), Loriana Castellano (interprete conosciuta in tutta Europa sia nel repertorio barocco che in quello strettamente operistico) e Aldo Caputo (che porta la sua voce di tenore lirico ormai in tutto il mondo). 

I due concerti verranno accompagnati al pianoforte dal Maestro Milo Martani di Parma (che suonerà al primo concerto e alla Masterclass) e dalla Maestra Barbara Rinero di Bari (il concerto dei cantanti pugliesi). Si tratta di artisti di alta levatura e che hanno accettato con entusiasmo di far parte del Primo Molfetta Opera Festival.

 

Eva Mei, soprano

Toscana, figlia e nipote di cantanti, con i quali si è formata musicalmente, debutta a soli 22 anni alla Wiener Staatsoper come Konstanze né Die Entführung Aus Dem Serail, ruolo con cui aveva appena vinto il Concorso Mozart (1990).

È l'inizio di una brillante carriera che la vede protagonista per oltre due decenni nei maggiori teatri europei e mondiali. Raffinata esecutrice del Belcanto italiano come Bellini, Rossini, Donizetti e Verdi, non ha mai abbandonato il repertorio di Mozart, interpretando tutte le sue opere nei ruoli principali.

Ha collaborato con numerosi e importanti direttori d´orchestra fra i quali ricordiamo: Harnoncourt, Wolfgang Sawallisch, Claudio Abbado, Zubin Metha, Riccardo Muti, Colin Davis, Daniel Barenboim, Lorin Maazel, Nello Santi, Raphael Frübeck de Burgos, Franz Welser-Möst, William Christie, Daniele Gatti e Fabio Luisi.

Alla carriera operistica ha da sempre affiancato la cameristica, esibendosi in recitals e concerti nelle più prestigiose sale del mondo. Dal 2012 è docente di canto presso il Conservatorio di Torino e tiene Masterclasses in Italia ed in Giappone.

Recentemente ha interpretato Donna Anna/Don Giovanni al Teatro Regio di Torino, Vitellia/La clemenza di Tito al Teatro Verdi di Trieste, Violetta/La Traviata in una tournée in Giappone, Alice/Falstaff e Violetta/La Traviata a Tel Aviv con Zubin Mehta e si è esibita in concerti con Arie di Mozart a Milano, Padova e Wiesbaden.

I suoi prossimi impegni includono: concerti di Gala come Amina/La Sonnambula in Germania, concerti sinfonici con la Orchestre National de Paris sotto la direzione di Daniele Gatti, Petite Messe Solennelle al Festival si Salisburgo con Antonio Pappano, una produzione di Il Re Pastore al Teatro Verdi di Trieste e recitals in Giappone. Sará poi Alice/Falstaff in una nuova produzione del Maggio Musicale Fiorentino con Zubin Mehta e nell´autunno 2015 nuovamente al Teatro alla Scala con Daniele Gatti.

 

Roberto de Candia, baritono

Roberto de Candia svolge un’importante carriera internazionale che l’ha condotto sui palcoscenici delle maggiori istituzioni musicali del mondo, fra i quali Teatro alla Scala, Covent Garden, Metropolitan Opera, Wiener Staatsoper, Salzburg Festival, Opera Company di Philadelphia, Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Glyndebourne Festival, Ope´ra Comique di Parigi, New National Theatre di Tokyo, Opernhaus di Zurigo, Deutsche Oper di Berlino, Bayerische Staatsoper di Monaco, Monnaie di Bruxelles, Nederlandse Opera di Amsterdam, Maggio Musicale Fiorentino, Rossini Opera Festival di Pesaro, Teatro Comunale di Bologna, Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Regio di Torino, Teatro Regio di Parma.

Nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con direttori, fra gli altri, quali John Eliot Gardiner, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Riccardo Chailly e Giuseppe Sinopoli.

Raffinato interprete rossiniano, Roberto de Candia e` regolarmente ospite del Rossini Opera Festival di Pesaro. Dopo il debutto pesarese nel ruolo di Parmenione nell’Occasione fa il ladro (1996), vi e` ritornato per interpretare numerose produzioni, fra le quali Il signor Bruschino (Bruschino Padre; 1997), Adina, ovvero il Califfo di Bagdad, Il viaggio a Reims (1999), La Cenerentola (Dandini; 2000) and Il turco in Italia (Poeta Posdocimo; 2002).

Ospire regolare del Teatro alla Scala, vi ha debuttato nella stagione 1996/07 nell’Armide (Ubalde) di Gluck. In seguito ha preso parte a numerose altre produzioni, fra le quali Il turco in Italia (Prosdocimo), Linda di Chamounix (Antonio), Manon Lescaut (Lescaut), La forza del destino (Melitone; anche in tourne`e in Giappone nel 2000), Il barbiere di Siviglia (Figaro; 1999, 2002), L’elisir d’amore (Belcore; 1998, 2001), L’Italiana in Algeri (Taddeo; 2003) e Il dissoluto assolto (Leporello; 2006).

Dopo il debutto al Metropolitan nel 1998 con Manon (Lescaut) di Massenet, vi e` stato invitato nuovamente sul per interpretare La cenerentola (Dandini), L’elisir d’amore (Belcore), La bohe`me, Manon, L’italiana in Algeri e Cyrano de Bergerac di Alfano (con Placido Domingo).

Ha inaugurato la stagione 2013/14 interpretando il ruolo del titolo in Falstaff in un tour Giapponese con il Teatro alla Scala, in seguito ha debuttato con grande successo il ruolo del titolo in Don Pasquale alla Finnish National Opera di Helsinki ed e` tornato sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli di Bari per una nuova produzione di Falstaff firmata da Luca Ronconi. Ha interpretato inoltre La Cenerentola (Dandini) al Cartagena Festival de Musica, Don Giovanni (Leporello) all’Opera di Tenerif, Il mondo della luna (Bonafede) all’Ope´ra de Montecarlo, La bohe`me (Marcello) al Teatro Carlo Felice di Genova e Madama Butterfly alla Cincinnati Opera.

Ha inaugurato la stagione 2014/15 interpretando Fra Melitone ne La forza del destino al Festival Verdi di Parma. In seguito ha interpretato sia il ruolo di Falstaff che quello di Ford all’Opera di Firenze con la direzione di Zubin Mehta, L’elisir d’amore (Dulcamara) a Modena e Don Giovanni (Leporello) a Piacenza e Modena, L’elisir d’amore (Dulcamara) al Teatro Regio di Parma, Don Pasquale (title role) al Liceu de Barcelona, Il barbiere di Siviglia (Figaro) al Teatro Regio di Torino.

Fra i suoi prossimi impegni, il ruolo del titolo in Don Pasquale alla Finnish National Opera di Helsinki, il debutto nel ruolo de Il Conte di Almaviva ne Le Nozze di Figaro al Teatro Regio di Parma, Falstaff (title role) al Teatro San Carlo di Napoli, alla San Diego Opera e al NCCP di Beijing sotto la bacchetta del M° Zubin Mehta, Fedora (De Siriex) al San Carlo di Napoli, Cyrano (Raguenau) al MET di New York.

La sua vasta discografia include Corradino di Galante, Saffo di Pacini, Messa di Gloria di Mascagni, La cenerentola (ROF Edition), oltre a Il turco in Italia (vincitore del Gramophone Award) e La bohe`me, in entrambi i casi con la direzione di Riccardo Chailly per la Decca.

Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista, ha studiato canto sotto la guida di Lajos Kozma e si è poi formato e perfezionato con Sesto Bruscantini. Vincitore del Concorso Internazionale “A. Belli” di Spoleto nel 1990, subito dopo ha compiuto due prestigiosi debutti, all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (Messa di Gloria di Puccini) e al Teatro Regio di Parma (Manon di Massenet).

 

QUESTO IL PROGRAMMA DEI CONCERTI:

 

6 settembre 2015 ore 21.00 (porta 20.30)

Auditorium del museo diocesano di Molfetta

 

EVA MEI, soprano

ROBERTO DE CANDIA, baritono

al pianoforte MILO MARTANI

F.P.TOSTI – Sogno

G.ROSSINI – La Danza

F.P.TOSTI – Malìa

G.VERDI – Stornello

F.P.TOSTI – Marechiare

E.DE CURTIS – Non Ti Scordar Di Me

W.A.MOZART – da Così fan Tutte – “Donne mie la fate a tanti”

G.PUCCINI – da La Bohéme – “Quando m’en vo’”

W.A.MOZART – da Don Giovanni – “La ci darem la mano”

G.ROSSINI – da Il Barbiere di Siviglia - “Largo al Factotum”

G.DONIZETTI – da Don Pasquale – “Quel guardo il cavaliere”

G.DONIZETTI – da L’Elisir d’Amore – “Quanto amore, ed io spietata”

 

12 settembre 2015 ore 21.00 (porta 20.30)

Auditorium del museo diocesano di Molfetta

 

ANGELA NISI, soprano

LORIANA CASTELLANO, mezzosoprano

ALDO CAPUTO, tenore

al pianoforte BARBARA RINERO

G.DONIZETTI – da L’Elisir d’Amore – “Una furtiva lagrima”

G.BIZET – da Carmen – Habanera

G.PUCCINI – da La Rondine – “Chi il bel sogno di Doretta”

G.ROSSINI – da La Cenerentola – “Un soave non so che”

G.DONIZETTI – da Anna Bolena – “Al dolce guidami”

G.ROSSINI – da Il Barbiere di Siviglia – “Se il mio nome saper voi bramate”

G.ROSSINI – da Il Barbiere di Siviglia – “”Una voce poco fa”

G.VERDI – da Rigoletto – “E il sol dell’anima”

G.F:HÄNDEL – da Giulio Cesare – “Da tempeste il legno infranto”

G.F.HÄNDEL – da Giulio Cesare – “Cara Speme”

J.MASSENET – da Werther – “Pourquoi me reveiller”

L.DELIBES – da Lakmè – “Dôme épais le jasmin”

I concerti sono ad ingresso libero, per il concerto del 6 settembre è obbligatoria la prenotazione.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet