Recupero Password
Della visibilita’ BATTUTE DI SPILLO
15 febbraio 2000

Non lo sanno! … o fingono. Non sanno che la legge 142/90 sulle autonomie locali, nonostante ampliamenti e ripensamenti, ha introdotto l’istituto del Sindaco Re. Lo sa bene il cavaliere, che vuol diventare sindaco d’Italia, cioè Sindaco di tutti i comuni e dei comunisti, pardon comunali. Invece i nostri dimostrano, stranamente, di non sapere che “il voto del Consiglio contrario ad una proposta della Giunta non ne comporta le dimissioni…”; che attualmente vige il regime della “…mozione di sfiducia costruttiva…”, cioè quello di trovare prima l’accordo sulla nomina di un altro sindaco. Vallo a trovare… l’accordo con tutti gli appetiti, che si ritrovano. Eppure l’opposizione si affanna a declamare “mandiamolo via”. Un “flatus”. In gergo locale “nu fiete”. Allibisce la cosiddetta visibilità, che dichiarano di cercare i seguaci (eufemismo della maggioranza) del Re. Affilano lame (…da bariba, diceva un dimenticato venditore di lamette) e preparano coltelli, alcuni, fiumi di parole, e congiurano, neanche segretamente. Sghignazzano davanti ai …soliti noti e ai cronisti locali, aedi delle eroiche gesta. Insomma, chi li vota? Una pena. Il piccolo Re, intanto, gode. Sono così tanti gli aspiranti regicidi che neanche la fionda trova il suo bersaglio. Che tempi! Così diversi da quelli passati. Può essere accaduto che, lo racconto a modo mio, in un grande condominio, formato da condomini davvero eccellenti, per intelletto, cultura, dottrina, emergessero due personalità eccezionali. Uno, il capo condomino, come si dice “pro tempore”, chiamiamolo Davide, e l’altro suo avversario, chiamiamolo Golia. In una memorabile assemblea condominiale il capo condomino, Davide, apre la discussione sulla strada da percorrere per il bene comune. Si oppone l’avversario, Golia, “Non si può” dice, “E’ vietato”. “Vietato da chi?”, interpella il capo condomino. Golia sfodera la sua arma segreta: il codice, anzi due codici! Uno color marroncino, quasi rosso, e l’altro color giallo, quasi paglierino. E recita: “l’art. z del regolamento condominiale del 1911, lo vieta espressamente…”. Esagerato!, risponde il Capo condomino, il quale riprende a sostenere la sua proposta iniziale. S’inalbera l’oppositore: “E’ vietato anche dalla legge 1915, l’art. x è inequivocabile!…”. Il Capo condomino, che si intende di storia, fa un repentino calcolo mentale e sbotta”…Non vale, quella legge è di Giolitti e di Salandra, è scaduta!…”. Irrompe polemico l’oppositore Golia, che nella foga l’apostrofa “…Ignorante, anche se la legge è di Giolitti, essa vige tuttora…”. Sicché, il povero Davide, colpito e ferito, borbottando su Salvemini avversario di Giolitti, abbozza e propone di percorrere un’altra strada. Sempre per il bene comune. Apriti cielo, l’oppositore compulsa velocemente le sue armi e tàcchete: “…Impossibile, lo vieta l’art. h della legge 1934…”. Riprendendosi dallo spavento il Capo condomino, il quale, s’è detto, conosce la storia, sicuro, afferma: “…E’ una legge fascista, con la democrazia è abolita…”. L’avversario, intelligentissimo, se l’aspettava. Ancora un colpo, ancora una ferita! Cambia direzione… “Allora”, dice il Capo condomino, “…propongo di percorrere l’altra strada…”. S’alza l’oppositore “Vietato…” e via un’altra serie di articoli della sua arma vincente. Il povero amministratore del Condominio, il quale non vuole passare per ignorante, intraprende, ogni volta, una strada diversa. A destra, Vietato!; a sinistra, Vietato!; al centro, Vietato!; di sopra, Vietato!; di sotto, Vietato!, Vietato!, Vietato! Un bombardamento, a tal punto di cottura che il nostro Davide reagisce veemente: “…Il sig. condomino Golia mi ha, finora, impallinato con tutti i suoi articoli, allora Io, raccolgo tutte le mie energie, faccio di tutti quei pallini un pallone e lo schiaffo…”. Beh, pensate voi!… Geniale. Aveva, finalmente, trovato la strada da percorrere. Altro che visibilità!
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet