Recupero Password
Cent'anni di CGIL, cinquant'anni di Di Vittorio. Oggi un convegno a Molfetta A ripercorrere la vita e l'attività dello storico sindacalista pugliese ci sarà la sorella, Baldina di Vittorio
25 maggio 2007

MOLFETTA - La Camera del Lavoro CGIL di Molfetta con il patrocinio del Comune di Molfetta e la collaborazione della Fondazione Di Vittorio e “Casa Di Vittorio”, in occasione dei cent'anni della CGIL, del 50° anniversario della morte di Giuseppe Di Vittorio (nell'immagine) e del 25° anniversario della posa del bronzo dedicato a Giuseppe Di Vittorio a Molfetta, opera finanziata con la collaborazione di tanti lavoratori, ha organizzato per oggi, 25 maggio, alle ore 17, presso l'aula consiliare il convegno: “L'attualità della figura di Giuseppe Di Vittorio”. A ripercorrere la vita e l'attività dello storico sindacalista pugliese ci sarà la figlia, Baldina di Vittorio, interverranno il senatore Antonio Azzollini, sindaco di Molfetta; l'on. Alba Sasso, vice Presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati; Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia; Adolfo Pepe, direttore della Fondazione Di Vittorio; Pietro Colonna, segretario generale provinciale della Cgil – Bari. Moderatori: Mimì Spadavecchia e Giuseppe Filannino. Sarà possibile fino al 2 giugno visitare la mostra fotografica allestita nella sala dei Templari in Piazza Municipio, che ripercorre la storia della CGIL nei nostri territori e le lotte dei lavoratori per la conquista e l'affermazione dei propri diritti, storia e lotte che si intrecciano con la vita e l'azione di Giuseppe Di Vittorio, umile bracciante, nato a Cerignola nel 1892 e morto a Lecco nel 1957, un uomo che ha incarnato la voglia e la capacità di emanciparsi e lottare per i più deboli, sindacalista, antifascista e padre della costituzione, capace di rendere autonoma la CGIL negli anni della guerra fredda, consegnando agli italiani un sindacato che ad oggi è la più grande organizzazione di massa esistente in Italia e in Europa, capace di rinnovarsi e riorganizzarsi in sintonia con la società e i lavoratori, senza crisi d'identità e fieri della propria storia fatta di lotte e conquiste sociali. L'affermazione del valore sociale e culturale del lavoro è stato il principio che ha sempre ispirato e accompagnato l'azione sindacale di Di Vittorio; l'autonomia, la democrazia e l'unità del sindacato sono stati i suoi obbiettivi principali. Figura storica e attualissima, ancor più oggi in presenza della continua voglia di rimettere in discussione o togliere diritti ai lavoratori e ai cittadini e al rigurgito squallido e immorale di chi va in giro ad imbrattare con scritte fasciste i luoghi sani di aggregazione e confronto dei cittadini, siano esse sedi di partiti o associazioni.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet