Recupero Password
Calcio, Mister Nino Cipolla analizza la stagione della Molfetta Sportiva “Ho potuto sempre lavorare in libertà e serenità”
16 maggio 2011

MOLFETTA - Con ancora negli occhi la gioia e l'esultanza per la conquista della Coppa Puglia, il tecnico Cipolla, orgoglioso e soddisfatto del traguardo si concede al racconto della sua stagione nella Molfetta Sportiva, ripercorrendo dal suo arrivo fino alla vittoria in Coppa, tutti i momenti salienti di una stagione bella ed esaltante
Come valuta la stagione appena trascorsa?Tracci una linea dell'intero percorso.
"La stagione appena trascorsa è stata ricca di ostacoli, ma che abbiamo superato brillantemente portando valore alla Molfetta Sportiva, anche se, con un po' di fortuna,potevamo godere a pieno titolo il profumo della vittoria finale".
Lei è arrivato in corsa; è stato facile inserirsi? come pensa che sia cambiata la squadra dal suo arrivo?
"Il mio inserimento all'interno della squadra, non ritengo sia stato difficile in quanto conoscevo parte dei giocatori ai quali ho trasmesso la voglia di combattere e la così detta "cattiveria agonistica"che mi contraddistingue e che a mancava per cominciare a vincere".
L'inizio non è stato dei migliori, (la sconfitta in casa col giovinazzo, poi il pareggio con il Castriotta); in che modo è riuscito a trovare la strada giusta fino alla doppia serie di vittorie consecutive (a fine girone d'andata e inizio girone di ritorno)?
"Al mio arrivo ho trovato una squadra demotivata, per cui era giusto proporre una nuova impostazione perché la squadra trovasse delle nuove motivazioni al suo interno. La serie di risultati positivi è stato frutto di duro lavoro e impegno da parte di tutti".
L'epilogo del campionato non è stato dei migliori. La sconfitta a Carapelle nell'ultima giornata è costata cara. Cosa pensa sia accaduto?
"L'impegno è stato costante, non a caso la squadra ha sempre dato il massimo; potrei dire che nell'ultima partita di campionato ha giocato contro di noi un po' di sfortuna, a causa di dubbi episodi arbitrali".
Il doppio confronto nelle semifinali playoff, ancora contro il Carapelle, è stato fatale per i sogni promozione. Quali errori pensa siano stati commessi? ha qualcosa da rimproverare ai suoi giocatori o a se stesso?
"Ribadisco che determinati episodi, a nostro sfavore, hanno determinato la qualificazione in finale. Nella partita di ritorno dei play-off i nostri giocatori sono stati esemplari è mancata solo un po' di convinzione nel segnare".
E infine, la grande finale di Castellana, meritata soddisfazione, anche se forse solo un premio di consolazione. Come ha vissuto quella gara? e i festeggiamenti a fine gara?
"La nostra soddisfazione è quella di aver raggiunto almeno un traguardo con la Molfetta Sportiva e di aver regalato una soddisfazione a tutta la dirigenza e in particolar modo al presidente. A fine gara, è stato gratificante  vedere la partecipazione di tutti i sostenitori alla nostra gioia".
Le sue considerazioni finali su questa stagione.
"Sento di aver avuto il piacere di aver condiviso questa esperienza calcistica con delle persone squisite che mi hanno dato fiducia e lasciato lavorare in libertà e serenità. A questo proposito, colgo l'occasione per ringraziare in primis il presidente, tutti i dirigenti, Sergio Sgherza, lo staff tecnico, il Prof. Dario Fabiano, tutta la squadra e i tifosi che ci hanno sostenuto fino alla fine".
 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet