Recupero Password
BASKET - Virtus sconfitta a Potenza Mach 20 Potenza - Centro Auto Ford Molfetta 92-80
08 dicembre 2006

POTENZA: Paparella 19, Santamaria n.e., Villani 8, Viaggiano n.e., Rato 9, Dimarco 10, Camera 2, Cerella 13, Nocioni 10, Soro 21. All Di Lorenzo. MOLFETTA: Maggi 9, Bigi 15, Torresi 6, Teofilo 8, Leo 32, Paganucci, Braidot, Filianoti n.e., Nord 2, Storchi 8. All Carolillo. PARZIALI: 27-24, 53-42; 65-57, 92-80 ARBITRI: Pratillo di Casagiove e Bulzoni di Caserta. POTENZA“Stavolta non ce l'abbiamo fatta. Mi dispiace”. Le parole di Andrea Maggi al termine dell'incontro di ieri sera al PalaPergola di Potenza sintetizzano al meglio la partita della Virtus che ha dovuto cedere alla superiorità dell'avversario che ha rubato la scena alla capolista. Un incontro opaco, quello della Virtus, la cui “impotenza” è stata accentuata dal merito dei locali, costretta ad inseguire gli avversari per tutti i 40 minuti senza riuscire a cambiare volto alla sua gara. Non sono bastati i 32 punti di Leo contro i bianconeri che hanno fatto vedere, contro il Molfetta, la migliore pallacanestro della stagione. Una gara impeccabile e senza troppe sbavature quella giocata dai ragazzi di coach Di Lorenzo mentre Molfetta deve riflettere sugli errori commessi in fase di impostazione e nelle marcature troppo “morbide” per contrastare efficacemente Nocioni e Soro in grande spolvero. Con il successo di ieri il Potenza eguaglia i punti del Molfetta affiancandosi alla guida del girone. La Virtus ha due giorni di tempo per riorganizzarsi e cancellare la debacle lucana con un successo nella gara interna di domenica contro Catania. Dalle prime battute di gioco si intuisce che sarebbe stata una serata difficile per gli uomini di coach Carolillo. Infatti è il Potenza a fare l'andatura nei primi cinque minuti con Molfetta a rintuzzare gli attacchi dei lunghi locali; la Virtus sembra, poi, venir fuori alla distanza e l'impegno premia i biancazzurri con il primo consistente vantaggio di metà quarto (11-16). Un vantaggio che la Virtus non sa sfruttare a dovere; di lì in avanti Molfetta inizia un lungo inseguimento che non trova epilogo. Potenza recupera in fretta con una buona dose di fortuna, come se ce ne fosse ulteriormente bisogno, mentre la Virtus si innervosce dopo i primi importanti tentativi andati a vuoto. I locali chiudono in vantaggio il quarto di sole tre lunghezze. Nella seconda frazione Potenza ingrana la quarta e senza troppi patemi allunga il vantaggio con Paparella e Soro. Molfetta cerca in tutti i modi di recuperare il vantaggio perso, Carolillo gettava nella mischia gli under Braidot, Paganucci e Nord ottenendo scarsi risultati. Si va al riposo lungo con undici lunghezze di margine tra le due squadre. Il terzo quarto ricalca la falsa riga del precedente con Leo, Maggi e Bigi smaniosi di azzerare il gap, ma che puntualmente vengono respinti indietro dal desiderio di vittoria dei casalinghi. Soro è dappertutto e infilava da ogni parte del campo diventando immarcabile per la difesa virtussina. Il vantaggio locale lievita fino a toccare il +19 (63-44) prima che la Virtus accennasse ad un tiepido risveglio. Leo e compagni fanno registrare un parziale di 13-2 che riaccende le speranze degli oltre 80 molfettesi al seguito. Il sogno della rimonta si infrange dopo i primi minuti dell'ultimo quarto: Molfetta tocca il -6 (67-61) prima di consegnarsi all'avversario. Gli ultimi dieci minuti sono tutti di marca bianconera. I locali tirano fuori l'orgoglio per risollevarsi dal momento critico e con i soliti noti Nocioni e Soro scalfiscono gli ultimi retaggi di una beffa finale troppo pesante e immeritata da sopportare. Le triple di Torresi e Maggi e gli ultimi punti a referto di Leo servono solo a rendere meno amara una sconfitta più sonora di quello che rivela il punteggio. I dirigenti della Virtus Molfetta segnalano ancora una volta la negativa prestazione del duo arbitrale: "ci spiace esprimere giudizi sull'operato dei direttori di gara ma dopo le ultime partite giocate dalla Virtus ci pare fin troppo scontato attestare i costanti errori degli arbitri evidentemente inopportuni a dirigere incontri di tale importanza. Non è nostro intento, tuttavia, prendere gli errori arbitrali come alibi per la sconfitta della Virtus che, ribadiamo, è ampiamente meritata."
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet