Recupero Password
Basket. Virtus Molfetta, vietato sbagliare ancora
06 marzo 2010

MOLFETTA - Si volta ancora pagina in questa stagione, con Ilario Azzollini che subentra a coach Russo alla guida della Virtus: l'ennesimo cambio in un'annata che non resterà certo tra i ricordi migliori dei tifosi molfettesi, in cui però la salvezza è ancora a portata di mano e resta un obiettivo più che mai raggiungibile.
Importante sarà non lasciare ancora sul campo punti importanti, quando mancano solo quattro turni, più due di fase ad orologio, al termine della stagione e con Potenza, avversaria diretta per la permanenza nella categoria, in forte ripresa dopo il cambio di coach.
L'avversario di domenica sarà il Palestrina di coach Steffè. Una squadra costruita puntando molto sui giovani talenti di cui dispone, su tutti il play Alessandri e la guardia Laudoni.
Il primo, alla sua secondo stagione a Palestrina che lo aveva prelevato lo scorso anno da Siena, sta disputando una stagione ad altissimo livello, rivelandosi tra i giocatori più costanti nel rendimento, per altro sempre di qualità.
Attenzione particolare anche al giovane Laudoni, scuola Pesaro che, dopo un'annata sfortunata a Fossombrone costernata da infortuni, ha ritrovato a Palestrina, grazie anche alla sapiente gestione Steffè, minuti e punti. Pecca un po' di continuità, alternando prestazioni ottime ad altre incolore, ma è fuori dubbio il suo grande talento, sostenuto da un atletismo fuori dal comune.
A dar manforte a queste giovani promesse, diventate certezze col tempo, sono stati affiancati giocatori navigati della categoria, come Benini, lungo alla sua seconda stagione in maglia arancio blu dotato di buona tecnica e preciso anche dalla lunga distanza, e Plateo, play guardia ex Trapani.
In casa Molfetta il neo coach Ilario Azzollini è contento del lavoro settimanale:"Abbiamo lavorato bene, con intensità e partecipazione da parte di tutto il gruppo.
Per la fase offensiva abbiamo ricreato situazioni in cui dare la palla al lungo sotto canestro, per avere più possibilità in attacco. Per la difesa invece c'è poco da allenare, molto dipenderà dalla grinta, cuore e sacrificio che i giocati metteranno sul campo. "
Qualità essenziali da mettere sul parquet domani, per tornare a gioire al PalaPoli e riacquistare punti e  certezze per il finale di stagione.
 

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet