Recupero Password
Angela Amato, candidata al consiglio comunale di Molfetta, risponde con una lettera aperta alle offensive parole di Drago: Non sono io “la serpe”!
Angela Amato (Foto Mauro Germinario)
08 giugno 2022

MOLFETTA – “Esimio candidato sindaco Drago – comincia così la lettera di Angela Amato, candidata al consiglio comunale a sostegno di Tommaso Minervini -,

 chi le scrive è colei che lei ha definito “la serpe in seno all’amministrazione Natalicchio”, l’assessore al bilancio che “aveva in mano i soldi”.

 Mi chiamo Angela Amato e non Minervini come, per errore o per dileggio, mi ha nominato. Ed evidentemente la storia, che lei non può conoscere personalmente, le è stata raccontata male perché la sottoscritta è quella che ha permesso all’amministrazione Natalicchio di fare luce e poi ordine sul bilancio, molto creativo, ereditato dal sindaco Azzollini. Un’impresa titanica (e le assicuro che non esagero!), che ha consentito alla città di evitare il default a cui era stata condannata. Una fatica enorme, non sempre sostenuta da tutta la maggioranza, anzi avversata da chi, al rigore e alla trasparenza, opponeva esigenze clientelari ed interessi di bottega.

 Non è un caso che proprio sul bilancio i soliti noti riuscirono a provocare la fine di quella esperienza amministrativa. E mi spiace dirle che quelle stesse persone, maestre nel fare e disfare per ricavarne vantaggi personali, avvezze più alle trame e meno al lavoro, hanno promosso e sostengono la sua candidatura. Le consiglio, se vuole farsi un’idea più corretta, di farsi narrare meglio le vicende da chi, l’altra sera, era seduta accanto a lei: se ha un minimo di onestà, le dirà di come “la serpe” ha affrontato questioni spinose e pericolose senza tentennamenti e concessioni, mettendosi al servizio della comunità, senza risparmiarsi mai e senza pretendere tribune e palcoscenici.

 Signor candidato sindaco, è vero, in quelle circostanze, in cui a tutti tremavano i polsi, ho anche approfittato dell’esperienza e della disponibilità che il mio amico fraterno Tommaso Minervini ha messo al nostro servizio, sporcandosi le mani insieme a noi, per aiutarci a districare le situazioni più complicate e scabrose. Ci perdonerà ma noi siamo fatti così: l’indifferenza non ci appartiene e la difesa del bene comune non ammette diserzioni. Altri sono rimasti a guardare da lontano. E a pontificare.

 Non mi dilungo oltre. Voglio solo suggerirle di scegliersi meglio i cantastorie. Ho l’impressione che, approfittando del suo vivere lontano da Molfetta, le abbiano consegnato una visione un po’ distorta della storia recente di questa città, con molte omissioni e mistificazioni sui fatti e sulle persone. Per quanto mi riguarda, l’offesa che lei mi ha rivolto la archivierò tra le cose spiacevoli di questa campagna elettorale che poteva essere confronto di idee e di visioni e si è ridotta, invece, non certo per colpa nostra, a uno sgradevolissimo esercizio di aggressione del “nemico”, per usare la definizione usata da un suo sostenitore.

Questa città, mi creda, è altro. E i molfettesi lo sanno”.

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet