Recupero Password
Urbanistica, rigenerare la città contro i predatori di suolo
15 novembre 2016

Sarà l’Associazione “Comitando” a rilanciare in città venerdì 18 novembre il delicato tema del consumo di suolo e della rigenerazione urbana, promuovendo una interessante iniziativa in Sala Consiliare dal titolo “Consumo di suolo zero: una sfida per rigenerare le città”. Dopo i mesi infuocati che sono seguiti alle dimissioni del sindaco Natalicchio, si rilancia la riflessione su uno dei temi che ha spaccato la maggioranza di centrosinistra nei tre anni di governo: la gestione delle politiche dell’urbanistica e del territorio. E’ giusto proseguire il Piano Regolatore Generale del 2001 e dargli piena attuazione, nonostante le stime demografiche fossero ben superiori ai reali flussi di crescita della popolazione, o è giunta l’ora di ragionare attorno a un nuovo Piano Urbanistico Generale, in riduzione di consumo di suolo? Esistono strumenti per bloccare la cementificazione dei territori e del paese senza violare i diritti acquisiti dai proprietari dei suoli? L’urbanistica “per comparti” e quella pianificata possono tenersi assieme? L’espansione del cemento e del mattone e la desertificazione dell’agro fanno saltare il patto città-campagna? Sono tematiche delicate, soprattutto in una città come Molfetta, in cui l’economia edilizia è stata ritenuta per anni il motore reale dello sviluppo economico cittadino. Ed è però un fatto che anche nei quartieri di nuova espansione come i comparti 15, 16 e 17 e nella zona di espansione del quartiere Madonna delle Rose sono molti gli appartamenti e le villette appena costruiti e rimasti invenduti. E che c’è un crollo di fruttuosità delle rendite da locazione, che rende “improduttive” e spesso sfitte le seconde case, vanificando l’investimento sul mattone di tanti risparmiatori. La precedente amministrazione aveva approvato, nel luglio 2015, tra le polemiche, un atto di indirizzo per l’avvio del nuovo piano urbanistico generale (PUG), la cui attuazione però ha spaccato la maggioranza. Gli sforzi di una urbanistica concertata ma orientata alla riduzione di suolo hanno intanto visto nella vicenda dell’accordo sul Comparto 18 un primo campo di prova virtuoso, in cui l’Amministrazione aveva mostrato di saper fare la voce grossa, arrivando ad approvare un piano con una riduzione di circa 20.000 metri cubi di cemento e il salvataggio del famoso “carrubo di Levante”, battaglia condotta al fianco del Comitato di quartiere. Il consumo di suolo, quindi, e l’esecuzione passiva di Piani Regolatori Generali pensati quindici anni fa e superati dal disequilibrio tra domanda e offerta non è l’unica strada per pensare e ripensare l’urbanistica sui territori. E la filosofia del better building, della rigenerazione urbana e del consumo di suolo zero è sempre più la bussola di tutte le amministrazioni virtuose che trovano il coraggio di lavorare a una urbanistica pensata e pianificata. Di tutte queste tematiche si parlerà venerdì 18 novembre in aula consiliare, con inizio alle ore 18. Ad aprire i lavori una relazione dell’architetto e urbanista veneto Luisa Calimani, padovana, già parlamentare con il Governo Prodi e assessore in Veneto, membro dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e animatrice del Forum Beta, una delle più vivaci realtà dell’ambientalismo italiano. Seguirà un intervento dell’avv. Rosalba Gadaleta, assessore all’Urbanistica nel triennio 2013-2016, che presenterà le pratiche messe in campo durante il triennio di amministrazione di centrosinistra. A seguire l’architetto Francesca Calace racconterà nei dettagli il lavoro svolto sul progetto legato al patto città-campagna, che ha visto il Comune di Molfetta capofila insieme al Comune di Bitonto nella redazione di uno studio di fattibilità legato alla pianificazione di interventi di tutela dell’agro e rigenerazione nella zona delle torri e della connessione degli impianti di depurazione delle acque dei comuni di Molfetta, Bisceglie, Ruvo, Corato e Bitonto. A concludere i lavori, l’assessore regionale all’urbanistica, Anna Maria Curcuruto, che eredita le politiche avanzate del decennio guidato da Angela Barbanente e, per la prima volta in città, presenta le linee di intervento del governo regionale. Sarà presente anche l’ex sindaco Paola Natalicchio, tra gli organizzatori della manifestazione, che sarà coordinata dall’agronomo Cosimo Sallustio, già coordinatore del Forum Agenda XXI.

Autore: Felice de Sanctis
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet