Recupero Password
Un voto difficile domani a Molfetta
La vignetta di Michelangelo Manente sulla rivista mensile "Quindici" di giugno
11 giugno 2022

In vista del voto di domani, domenica 12 a Molfetta, per l'elezione del sindaco e del nuovo consiglio comunale, proponiamo l'editoriale del direttore di "Quindici" Felice de Sanctis pubblicato sul numero della rivista mensile in questi giorni in edicola, con la vignetta di Michelangelo Manente

Sì è proprio un voto difficile quello di domenica 12 giugno per le amministrative a Molfetta. Un voto ricco di incognite, anche se qualcuno si proclama già vincitore al primo turno, per il numero di liste e di candidati e per aver potuto gestire la campagna elettorale da palazzo di città. E non è poco.

E’ vero che ci sono i pacchetti di voti che rendono forti e trasformisti alcuni politici alla Pino Amato che può cambiare casacca come quando vuole, passando con spregiudicatezza da uno schieramento a quello opposto, avendo al seguito i soliti mille e passa pretoriani. Ci sono i soliti pagnottisti che fiutano l’aria e scommettono su uno o l’altro candidato, secondo le convenienze. Non mancano i mercenari pronti a vendersi al miglior offerente.

E’ questo il risultato delle liste civiche, svincolate dai partiti tradizionali, nate non su un progetto di città migliore, ma di città più conveniente alle lobby dell’edilizia, del commercio (a proposito, avete notato come si sono spaccati in vista delle elezioni? E poi piangono!), dei professionisti sempre a caccia di un progetto irrealizzabile e irrealizzato, ma che importa: basta aver intascato l’importo.

In questa altalena di alleanze, cambi di casacca, voltagabbana storici spicca Saverio Tammacco, eletto consigliere regionale del centrodestra, dopo aver abbandonato Michele Emiliano e il centrosinistra qualche giorno prima saltando sul carro di Raffaele Fitto credendolo vincente e poi ritrovatosi all’opposizione, senza contare nulla. Ma il nostro Saverio, esperto saltafossi politico, ritrovatosi appiedato, ma con un buon numero di voti nel suo carnet, ha deciso di ripercorrere la strada all’indietro come i granchi, per ritornare sotto l’ala di Emiliano nel centrosinistra, sicuro che il governatore, aperto a tutte le soluzioni, non lo avrebbe rifiutato.

Ma il capolavoro più grande lo ha compiuto a queste elezioni comunali: a Bari con Emiliano e il centrosinistra, a Molfetta con Minervini e il centrodestra nello schieramento opposto, nel quale si è candidato con la lista “Insieme per la città”. Qual è il problema? A Emiliano questi schieramenti pasticciati piacciono, bisognerà vedere se piaceranno agli elettori. Ma tant’è Tammacco è sicuro del suo pacchetto spendibile dovunque. Chissà perché questo pasticcio non è stato messo in evidenza da nessuno: per non dispiacere Emiliano?

Ecco la differenza fra i partiti di un tempo, quando l’ideologia impediva queste confusioni e le liste civiche formate spesso da soldati di ventura, più legati ad interessi personali che a quelli collettivi. E i fatti lo hanno dimostrato, con la vicenda “Appaltopoli”.
C’è chi si serve degli ingenui abitanti di un quartiere, mostrandosi paladino dei loro diritti, per crearsi un bacino elettorale da zero (e “Quindici” li aveva smascherati subito certi personaggi) e chi rinnega il proprio passato, dove non lo considera più nessuno, per passare sull’altra sponda, accolto a braccia aperte: che si fa per qualche voto! E non venuteci a parlare di progetti politici, perché certe alleanze sembrano veramente posticce, come quelle dei 5 Stelle con candidati di bassa qualità.

Non mancano percettori di voti acquisiti grazie ai patronati, candidati sindaci trombati, i soliti… Amati che rinnovano la propria generazione politica, i portatori di interessi privati legati al porto, i senatori decaduti e molti altri nomi che si ripetono da 30 anni, mentre i giovani non fanno proprio una bella figura, soprattutto coloro che hanno imparato subito l’arte del saltafossi… “sempre nell’interesse della città”.
Poi ci sono le liste civiche che strumentalizzano simboli religiosi e in particolare riferiti al vescovo venerabile. E’ il caso della cosiddetta “Ala democratica” (vi ricorda nulla il sostantivo Ala?) che si è beccato anche una nota di biasimo dall’Ufficio diocesano delle comunicazioni sociali: «L’approssimarsi delle elezioni amministrative in tre delle quattro città della diocesi impone in questo momento delicato, attenzione e rigore per evitare, nella forma e nella sostanza, di utilizzare il nome del Venerabile don Tonino Bello in qualsivoglia modo possa prestarsi anche lontanamente a strumentalizzazioni.
È certamente auspicabile – secondo il pensiero della Chiesa locale e del suo pastore Mons. Domenico Cornacchia –  che la Politica si ispiri e si nutra del magistero profetico di don Tonino, soprattutto che chi si offre alla Politica si ponga a servizio della comunità, senza servirsene. Ma questo deve essere desunto da stili di vita e programmi politici, non da manifesti o proclami fini a se stessi.
Senza alcun intento polemico, invitiamo con forza tutte le formazioni politiche e i singoli candidati, trasversalmente, ad aderire ad un patto morale, fondato sul rispetto, che impedisca a chiunque di far uso di simboli sacri, così come del nome o delle immagini di don Tonino a fini esplicitamente o larvatamente elettorali.
La Politica con la P maiuscola lo esige. La sensibilità dei cittadini, credenti e non delle nostre città, anche».

Sempre per restare nell’ambito del mondo cattolico, non dimentichiamo la pesante nota della Consulta diocesana delle Aggregazioni Laicali e dell’Ufficio diocesano per la Pastorale Sociale e del Lavoro “Non ci disuniamo!” che cita la relazione della Direzione Investigativa Antimafia (Dia) nella quale la nostra città risulta “febbricitante”, «sotto lo scacco di clan e di famiglie tristemente note che hanno fatto le piazze per i loro illeciti affari». E si tratta di criminalità non occasionale, come ha ricordato anche il Procuratore della Repubblica di Trani dott. Renato Nitti in un convegno del Rotary di Molfetta, parlando della città come “terra di mafia”.
Il documento della Consulta ricorda come «si tratta di criminalità non occasionale, ma sistematizzata… Quella logica spesso si infiltra nella gestione economica e amministrativa delle città, generando zone d’ombra. La pratica diffusa del clientelismo e la rete di favori reciproci all’attenzione dalla magistratura indicano che in alcuni casi i tentacoli della criminalità si allungano nelle zone di competenza delle Istituzioni, seducendo le stesse, e minando i presidi della legalità, che dovrebbero invece rappresentare lo Stato, garantire tutti i cittadini, operare con trasparenza, soprattutto in materia di appalti e commesse».

Di qui l’invito Non ci disuniamo! mantenendo questa unità, che ci fa scegliere candidati e liste in base a ciò che riteniamo, nell’intimo della coscienza, oggettivamente più giusto, coerente, in linea con quanto di costruttivo, onesto, libero, possiamo garantire oggi, per domani, alla nostra città in termini amministrativi. 

Ecco perché questo voto è difficile e la tentazione di astenersi è forte perché come diciamo con la vignetta di Michelangelo Manente, si vorrebbe votare per il “sindaco che non c’è”. Ma rinunciare a un diritto, anche se è comprensibile, non è mai positivo: significa delegare ad altri, a quelli organizzati e irreggimentati, la scelta del nostro futuro. E’ un lusso che non possiamo permetterci!

© Riproduzione riservata

Autore: Felice de Sanctis
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet