Recupero Password
Reportage sui “ghetti a pagamento”
15 gennaio 2017

Caporalato, sfruttamento, “ghetti a pagamento” in cui gli extracomunitari vivono rinchiusi in una condizione disumanizzante e sfruttati come mano d’opera e merce a basso costo, un sistema piramidale che consente a coloro che ne fanno parte di arricchirsi togliendo diritti e dignità ai nuovi schiavi. Un viaggio, un reportage attraverso tutta l’Italia che Leonardo Palmisano scrittore e sociologo, e Yvan Saignet, leader del primo sciopero dei braccianti a Nardò hanno svolto. Dalla Puglia alla Calabria, dalla Sicilia al Piemonte passando per la Campania, questa specie di discesa all’inferi ha fatto in modo che i due autori potessero tracciare una mappa dettagliata dei luoghi in cui, a dispetto della legalità e dei diritti umani quotidianamente migliaia di migranti vengono sfruttati e privati della loro dignità in nome di un mercato selvaggio che ha corrotto e sovvertito perfino le proprie regole. Caporalato: un termine antico che ci rimanda al Meridione di oltre un secolo fa, che ci richiama alla mente figure carismatiche come Di Vittorio e Rizzotto, che si sono battuti per il rispetto e la tutala dei diritti dei lavoratori. Il caporalato globalizzato raccontato e denunciato da Palmisano e Saignet mostra un volto completamente diverso rispetto al passato. Un tempo i “braccianti” condividevano con il caporale l’ appartenenza sociale e culturale, la medesima lingua, condizioni che permettevano di stabilire fra le due parti dei rapporti di forza codificati. Oggi questo fenomeno è completamente cambiato, lo sfruttamento è a 360 gradi e il rapporto che si stabilisce fra braccianti e caporale ha il sapore della schiavitù. All’interno del Ghetto tutto ha un prezzo, da un materasso nel fango su cui dormire, a un pezzo di sapone e un po’ d’acqua con cui lavarsi, da un misero pasto a un passaggio stipato dentro un furgoncino verso i campi in cui la giornata di lavoro ha la durata delle ore di sole. Rassegnazione, sofferenza, alienazione, solitudine, fatica e dolore questi sono i sentimenti impressi sui volti e nelle parole dei testimoni incontrati in questo sconvolgente viaggio all’interno dei nuovi ghetti sparsi per tutta l’Italia. Alla fine del reportage emerge un sistema criminale articolato e complesso, emerge l’indifferenza delle istituzioni comunali che a due passi hanno baraccopoli in cui vivono uomini e donne in una condizione al limite della sopportazione fisica e psicologica, luoghi in cui ancora oggi si muore di lavoro e fatica. Ghetto Italia si legge tutto d’un fiato come un romanzo, ma obbliga a fermarsi a pensare a dialogare con le proprie coscienze scosse da tanta ingiustizia, e ci si ritrova a domandarsi che significato abbia, oggi, per il nostro Occidente civilizzato il termine accoglienza.

Nominativo  
Email  
Messaggio  

Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet