Recupero Password
REGIONANDO - Sì del Consiglio regionale alla legge "blocca esodo"
02 agosto 2005

BARI - 3.8.2005 Con 41 voti favorevoli e 18 contrari passa quella che l'assessore al personale, Guglielmo Minervini ha soprannominato "operazione mar Rosso". Si tratta di una legge che consentirà di fronteggiare l'emergenza funzionale che deriverebbe dall'esodo a partire dal 1 settembre, di 441 dipendenti (di cui 130 dirigenti) per effetto di un provvedimento con il quale il governo di centrodestra aveva concesso incentivi a coloro i quali avessero deciso di accettare l'ipotesi di cessazione del rapporto con l'ente Regione. "Ma non solo - ha spiegato il presidente della seconda commissione, Michele Ventricelli - infatti con questa iniziativa la Regione intende riorganizzare le sue strutture secondo modelli innovativi e adeguati ai nuovi compiti che attendono l'ente". Con questa novità, si consente lo slittamento al primo ottobre del 2006 (quindi un solo anno di proroga ndr), della data di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro ad un certo numero di dipendenti regionali che abbiano sottoscritto con la Regione il contratto di esodo e che siano ancora in servizio. Sono fondamentali due condizioni perché si attivi il processo: il consenso del dipendente e la relazione alle esigenze di servizio. Ma dall'opposizione arrivano le perplessità: le prime di carattere finanziario, avanzate dal presidente di Forza Italia, Rocco Palese che sostiene la illegittimità della legge in quanto non ha assolutamente alcuna copertura finanziaria annunciando il ricorso all'organo di controllo. Poi quelle di natura politica del gruppo per le autonomie, di Alleanza nazionale e dell'Udc, che hanno sottolineato il rischio che "questo provvedimento possa nascondere la necessità di premiare solo i dipendenti che hanno una chiara matrice politica". In particolare Simone Brizio (Gruppo per le autonomie ha parlato di "avanzata dell'armata rossa". Il dibattito: Pietro Lospinuso (Alleanza nazionale): "Questo provvedimento è figlio di ragioni di emergenza che comprendiamo ma non possiamo condividere nella forma". Pina Marmo (Margherita): "Esiste la necessità di ammodernamento delle strutture anche attraverso la formazione. È una scelta coraggiosa che deve mirare al raggiungimento della formazione di una squadra di dipedenti competenti e motivati" Vito Bonasora (Italia dei Valori): "Questa è una grande opportunità per la Regione, che consentirà di lavorare al meglio per la rinascita. Bisogna però essere attenti al controllo sulla operazione, per fare in modo che tutti vengano messi nelle condizioni di concorrere a questa svolta". Francesco Damone (La Puglia prima di tutto): "I dipendenti regionali soffrono da anni in una condizione di poca attenzione. Occorre attivare immediatamente una politica in difesa dei lavoratori, di sensibilità a tutte le istanze e le aspettative da anni mortificate" Roberto Ruocco (Alleanza nazionale): "Questa legge lede il diritto che i lavoratori hanno acquisito e sottende, in realtà progetti poco chiari". Giuseppe Lonigro (Sdi): "Una proposta migliore per sanare l'emergenza, non poteva essere espressa da questo governo". Ignazio Zullo (La Puglia prima di tutto): "Prima di ogni altro provvedimento andrebbe fatto un censimento di tutte le professionalità esistenti". Francesco Saponaro (assessore al bilancio): "Questa legge risponde ad aspetti di rigore e moralità, in quanto punta ad incentivi tutti professionali del ruolo dei dipendenti. D'altro canto non si possono trasformare le istanze di rigore contabile in istanze pregiudiziali che tendono solo a bloccare ogni attività". (In tal senso l'assessore ha risposto alle perplessità del presidente Palese ndr). Guglielmo Minervini (assessore al personale): "La Regione possiede un enorme patrimonio di risorse umane in totale abbandono. Prova ne è la quantità di contenzioso con il quale l'ente è costretto a confrontarsi. Questa è l'eredità del passato, la fotografia di quello che abbiamo trovato. Noi vogliamo attivare un processo di miglioramento, una sfida complicata che ha bisogno di uomini che la attuino. Quindi questa legge ci consente di formare una squadra con la quale attivare tutti i processi che ci siamo prefissi. Andremo avanti senza indugio e senza cedimenti". Sandro Frisullo (vicepresidente della giunta): "Abbiamo obiettivi ambiziosi e per porli in essere dobbiamo rivedere completamente tutto l'impianto della macchina amministrativa perché questo governo deve fare i conti con una eredità del passato pesante e difficile da fronteggiare". La maggioranza ha approvato anche la procedura d'urgenza per la legge.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet