Recupero Password
REGIONANDO - A tarda notte il Consiglio approva la manovra finanziaria
30 novembre 2005

BARI – 30.11.2005 Il Consiglio ha approvato a maggioranza all'1.45 di questa notte, il disegno di legge sull'assestamento e la terza variazione al bilancio di previsione per l'anno 2005. Una manovra da circa 1.500 milioni di euro che di fatto “distribuisce” circa 42 milioni di euro ed ha obiettivi socio sanitari e di sviluppo economico. Gli articoli approvati alla ripresa dei lavori (nella foto, l'aula del consiglio regionale) riguardano intereventi in favore della cittadinanza attiva, delle politiche giovanili, dei lavori pubblici. E' stata sostituito l'articolo 26, quello che stabiliva nuove discipline per il commercio. La materia sarà trattata da un apposito regolamento predisposto entro 180 giorni dall'approvazione della legge. “Il vero problema per la regione Puglia è fare un politica di bilancio e non solo fare ragioneria, laddove parliamo di equilibri finanziari, comunque importanti e che hanno bisogno di un lavoro costante e di continua verifica. Non è banale operare su questo versante perché non bisogna mai abbassare la guardia e perché e importante monitorare costantemente, ma non basta. Questo lavoro diciamo che dovrebbe assorbire un quarto dell'intero lavoro del bilancio e della programmazione. Gli altri tre quarti dovrebbero riguardare l'attività più complessa, quella che viene prima delle cifre, e che riguarda i programmi, la qualità della progettazione, il rispetto dei tempi dei programmi, cioè tutte quelle attività che qualificano una politica di bilancio”. Ha sostenuto in aula l'assessore al bilancio e alla programmazione della regione Puglia Francesco Saponaro nel suo intervento sul ddl “assestamento e terza variazione al bilancio di previsione 2005”. Sul ddl e in particolare sull'avanzo di amministrazione complessivo che risulta essere a fine esercizio 2004 pari a 1.499,75 milioni di euro, l'assessore Saponaro precisa in realtà quanta “minima sia stata la quota di risorse liberamente disponibili da parte della Giunta, poche decine di milioni di euro”. Quindi le direzioni sulle quali la Giunta ha deciso di operare, sono state due. Da un lato si è coltivato l'obiettivo socio sanitario (ad esempio i 7 milioni di euro per le politiche di riduzione delle liste d'attesa) e dall'altro quello legato allo sviluppo economico (aumento del capitale sociale per la partecipata terme di Santa Cesarea). Anche per quanto riguarda la sanità e il controllo della spesa sanitaria per Saponaro “la vera sfida sta nella modifica della qualità dei servizi sanitari percepita dai cittadini, nella riorganizzazione possibile a parità di spesa e nella qualificazione della prestazione”. Questi alcuni degli emendamenti approvati all'unanimità. L'art 10 “disposizioni in materia di agevolazioni tariffarie” che stanzia 4 milioni di euro per le agevolazioni tariffarie in favore di determinate categorie di utenti dei servizi del trasporto pubblico urbano, l'art. 11 “misure di promozione collegamenti aerei con l'Europa” che eroga un contributo di 600.000 euro al fine di incentivare i collegamenti aerei con le città europee, l'art 12 “intervento straordinario in favore delle comunità Montane della Murgia barese sud est e Murgia tarantina” che stanzia 61.000 euro per garantire il prosieguo delle attività lavorative degli ex Lsu, l'art 14 “aumento capitale sociale partecipata terme di santa Cesarea spa” che autorizza la spesa di 3 milioni di euro per l'aumento di capitale, l'art 15 “interventi in materia di ricerca ed orientamento universitario” che stanzia 300.000 euro per le borse di studio a favore dei giovani laureati (è stato accolto un emendamento di An), l'art 17 “modifica dell'art 29 della legge regionale 22 maggio 1985 n. 37” in materia di disciplina delle attività delle cave che non implica alcun impegno di spesa e dà la possibilità alla giunta regionale, su indicazione dell'assessore, di nominare i componenti del Ctrae per i quali non è pervenuta la designazione e infine l'art 19 sulla dotazione organica della delegazione romana di rappresentanza della regione puglia, che dovrà essere definita dalla Giunta regionale. A maggioranza invece sono stati approvati gli articoli dal 3 al 9, l'art 13 sulla ulteriore anticipazione ai Consorzi di bonifica che stanzia complessivamente 15 milioni di euro e l'art. 18 sulla “modifica alla legge regionale 31 ottobre 2002, n.18” in materia di disciplina del trasporto pubblico con il quale la giunta dispone il rinnovo dei contratti di servizio ponte con le attuali imprese esercenti i servizi ferroviari impegnandole a mantenere standard elevati di qualità.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet