Recupero Password
Premiazione del donatore Avis: obiettivo giovani
15 dicembre 2011

Come molti sanno, il sangue del corpo umano è una risorsa fondamentale. È necessario sia fluido, ma anche irrobustito con una buona alimentazione. Purtroppo, per alcune persone non è così facile. Infatti, molta gente ha problemi e soffre di malattie del sangue che molto spesso portano alla morte. Per far fronte a tutto questo, negli anni sono nate molte associazioni di volontariato che operano nella raccolta del sangue. Centrale il ruolo svolto dai donatori di sangue, insigniti anche quest’anno dall’AVIS di Molfetta nell’annuale «Premiazione del donatore avisino». Il presidente dell’associazione, Domenico Silvestri, e l’assessore alla Socialità, Luigi Roselli, hanno raccomandato la partecipazione dei giovani al progetto AVIS, cercando di incoraggiarli perché la donazione di sangue, azione volontaria dettata da puro spirito di solidarietà, può salvare una vita e non comporta alcun rischio per la salute, anzi il donatore ha anche la possibilità di fare prevenzione controllando periodicamente il proprio stato di salute. «Noi puntiamo sui giovani, poiché loro sono il futuro, abbiamo bisogno di loro nella nostra attività», ha evidenziato il presidente Silvestri, che ha annunciato in occasione della premiazione le donazioni di sangue da parte dei ragazzi dell’Istituto tecnicoindustriale Galileo Ferraris. Subito dopo ha premiato con una targa in argento il priore della confraternita di santo Stefano, Stefano de Palma, ringraziandolo per le numerose donazioni degli associati alla confraternita. Ben 101 i premiati nella Sala Finocchiaro, a partire da tutti coloro che hanno effettuato 10 e 16 donazioni, insigniti rispettivamente con il distintivo di rame e quello d’argento. A questo punto è intervenuta la dott. Annalisa Altomare, direttore sanitario del Presidio Ospedaliero «don Tonino Bello» di Molfetta, che ha ringraziato il presidente dell’AVIS, congratulandosi con tutti i donatori. A seguire sono stati premiati con la medaglia d’oro coloro che hanno effettuato 24 donazioni. Subito dopo proprio l’assessore Roselli ha premiato le 50 donazioni col distintivo in oro, successivamente coloro che hanno eseguito 70 donazioni col distintivo in oro e rubino. Coloro che hanno effettuato ben 100 donazioni hanno ricevuto il distintivo in oro e smeraldo, mentre con il distintivo in oro con diamante sono state premiate le 130 donazioni, con una targa e un regalo le 160 donazioni. Il vero vincitore, per così dire, di questa corsa alla donazione è stato il sig. Enrico De Lillo con le sue 200 donazioni. Dopo averlo ringrazio, il presidente Silvestri ha raccomandato, non solo a lui ma anche ad altri, di continuare a donare poiché donare è sempre importante ed è un dovere verso la cittadinanza.

Autore: Barbara Binetti
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet