Recupero Password
Polemiche sul Festival del Mare, la cosiddetta estate molfettese Interrogazione del consigliere comunale della Rosa nel Pugno, Nicola Piergiovanni: “Voglio vederci chiaro”
18 settembre 2006

MOLFETTA - Un fallimento, più o meno annunciato. Solo così si può definire la quinta edizione del Festival Del Mare, rassegna teatrale estiva organizzata, presso l'Anfiteatro di Ponente, dal Comune di Molfetta e diretta dal regista biscegliese, Giovanni De Feudis. Nata sotto una cattiva stella a causa di una riduzione dei fondi stanziati dal Comune, l'edizione di quest'anno ha dovuto registrare il forfait di ben due compagnie teatrali che ha portato ad una drastica riduzione del programma degli spettacoli, passati dai sette previsti a cinque. Saltate le esibizioni forse più attese: il concerto di Lina Sastri e la rappresentazione teatrale che avrebbe dovuto vedere protagonisti Manuela Arcuri e Ninì Salerno. Ma chiusa la rassegna, si aprono le polemiche. A accendere la miccia è il consigliere comunale della Rosa nel Pugno, Nicola Piergiovanni (nella foto a destra) che su tutta questa vicenda vuole vederci chiaro ed ha indirizzato due interrogazioni al sindaco della città, Antonio Azzollini, per sapere innanzitutto se l'amministrazione sia intenzionata a corrispondere integralmente, al regista biscegliese, il contributo previsto pari a 32.000 euro, pur essendosi ridotto in maniera considerevole il numero degli spettacoli andati in scena. Se quella cifra era stata stanziata per una rassegna di sette serate – è il ragionamento del consigliere di opposizione –, non può essere versata integralmente al direttore artistico, ma deve necessariamente essere ridotta dal momento che in realtà le serate sono state solo cinque. Ma Piergiovanni non si ferma certo qui e chiede a gran voce che Giovanni De Feudis fornisca un dettagliato rendiconto economico con documentazioni fiscali giustificative delle spese ed un prospetto dei contributi ottenuti dagli sponsor privati. “Quelli sono soldi pubblici – ha dichiarato il consigliere comunale della Rosa nel Pugno – ed occorre chiarezza”. Ma la questione che forse farà più rumore è quella legata al rimborso dei biglietti venduti per i due spettacoli non andati in scena. Sono moltissimi i cittadini che, anche al nostro giornale, continuano a chiedere come e quando si potranno ottenere quei soldi ma, sul punto, buio fitto. Nessuno sa nulla. Pare che la questione sia legata a delle pendenze che ci sarebbero tra lo stesso De Feudis ed il Comune di Molfetta e fino a quando questa questione non si definirà sarà difficile che la situazione dei rimborsi si possa sbloccare. “E' una vicenda assurda” è il commento di Nicola Piergiovanni. “Qui – prosegue il consigliere comunale di opposizione – occorre tutelare non solo i cittadini che hanno comprato il biglietto e sottoscritto l'abbonamento ed hanno il sacrosanto diritto di vedersi restituiti quei soldi, ma anche l'immagine dell'amministrazione e dell'istituzione Comune che ha contribuito all'organizzazione del Festival del Mare e che sta rischiando di fare una figuraccia davanti a centinaia di cittadini”. Quale possa essere la conclusione di questa intricatissima vicenda è davvero difficile dirlo, così come i tempi per i rimborsi sono assolutamente indefinibili. E qualcuno già medita di portare la questione all'attenzione di qualche giudice.
Autore: Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet